mercoledì 07 dicembre | 14:22
pubblicato il 27/dic/2013 11:44

Mps: salta la prima. Rinviato duello tra Mansi e Profumo

Mps: salta la prima. Rinviato duello tra Mansi e Profumo

(ASCA) - Siena, 27 dic - Salta la 'prima' per l'aumento di capitale di Mps. L'assemblea prevista questa mattina in viale Mazzini, in prima convocazione, non si e' tenuta per mancanza del quorum: rispetto al 50% +1 dei soci richiesto, il contatore si e' fermato al 49,31%. Erano presenti tutti i soci principali: oltre alla Fondazione Mps (33,5% del capitale) erano presenti Axa (3,7%), la famiglia Aleotti (4%), Unicoop (1,7%). Contento che ieri era stato depositato oltre il 50% delle azioni, qualcuno non si e' presentato all'ultimo momento. L'assemblea e' stata quindi riprogrammata, in seconda convocazione, domani mattina, quando il quorum richiesto scendera' al 33%. Per lunedi', eventualmente, e' prevista una terza convocazione, solo per la parte straordinaria. La 'sfida' tra il presidente della Banca Alessandro Profumo e la numero uno della Fondazione Antonella Mansi (che hanno lo stesso problema di debito, il primo per pagare i Monti Bond che costano 350 milioni all'anno, la seconda per rifondere i 340 milioni di prestiti delle banche) e' dunque rimandato. Il management della Banca propone di effettuare l'aumento a gennaio, la Fondazione Mps chiede uno slittamento a giugno e, in virtu' del suo 33,5%, ha il potere di veto sulla delibera avanzata dal CdA. Posizioni molto distanti, visto che per la Mansi l'aumento a gennaio ''ucciderebbe la Fondazione'' mentre il numero uno di Rocca Salimbeni preannuncia ''gravi rischi cui la banca sarebbe esposta nel caso in cui l'aumento di capitale fosse posticipato come auspicato dalla Fondazione''. Questa mattina, lasciando la sede dell'assemblea, Profumo e l'Ad Fabrizio Viola hanno 'dribblato' i giornalisti tagliando a passo svelto la selva di microfoni e telecamere. Tutt'altro umore per la Mansi, che si e' soffermata brevemente a parlare con i cronisti. ''Siamo sereni - ha detto - ci vediamo domani mattina''. Ai giornalisti che le chiedevano se sia un giorno guadagnato per arrivare a una soluzione che eviti lo scontro tra banca e fondazione, la Mansi si e' limitata a rispondere che ''non abbiamo mai smesso di lavorare, il nostro atteggiamento non e' mai cambiato, siamo sempre aperti''. La Mansi ha comunque precisato che ''la nostra posizione resta quella comunicata a suo tempo, non ci sono novita'''. Ai giornalisti che le chidevano cosa succedera' domani, quando l'assemblea e' in programma in seconda convocazione, la Mansi ha risposto: ''Non lo so, non sono una strega''. Se comunque non ci saranno novita' nelle prossime ore, si profila, in assemblea, quando sara', uno scontro frontale tra Mansi e Profumo, con quest'ultimo che potrebbe dimettersi in caso di bocciatura dell'aumento a gennaio. Uno scenario su cui il sindaco Bruno Valentini, che nomina 4 dei 14 membri della Fondazione Mps, ha preferito l'understatement: ''Io sono un sindaco, morto un sindaco poi se ne trova un altro. Mi auguro che non accada, anche perche' non sarebbe facile sostituire un manager del livello di Profumo. Se dovesse accadere bisognera' trovare un manager con le stesse caratteristiche o anche superiori'', ha spiegato Valentini. Il primo cittadino di Siena ha anche escluso una nazionalizzazione di Mps, ''un percorso che non esiste. Il governo non ha nemmeno i soldi per la copertura della mini rata dell'Imu'', ha spiegato Valentini. Il primo cittadino di Siena ha comunque detto di attendersi che il Governo svolga un suo ruolo per ''evitare che la banca cada in mani estere o di fondi speculativi. Per esempio si e' parlato del fondo strategico italiano della Cdp, se fosse vero che non puo' intervenire in aziende in perdita, allora si cambi la legge'', ha sottolineato Valentini. Intanto il titolo della banca, che aveva aperto in netto rialzo, dopo la notizia del rinvio dell'assemblea ha invertito la rotta cedendo l'1,75%. afe-men/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni