venerdì 24 febbraio | 06:48
pubblicato il 09/feb/2013 13:08

Mps: Saccomanni, normale operazione, nessun prestito nascosto

(ASCA) - Bergamo, 9 feb - Nessun prestito nascosto per il Monte dei Paschi di Siena ma una normale operazione, che ha fornito liquidita' ad Mps ad ottobre 2011 per due miliardi circa da parte della Banca d'Italia.

Il direttore generale di Bankitalia Fabrizio Saccomanni si sofferma a spiegare ai giornalisti, a margine del congresso Forex-Assiom, che si tratta di un'operazione ''che abbiamo detto noi nell'audizione parlamentare e che rientra nella normale attivita' di banca centrale''. Saccomanni ha poi detto che si e' trattato ''dell'unica operazione con banche italiane'', ma che e' avvenuta anche in altri Paesi. Saccomanni ha inoltre affermato che entro marzo sara' ultimato il processo di definizione delle sanzioni.

Influiranno su questo processo una serie di normative - ha aggiunto - che non sono solo di Vigilanza, a anche amministrativo, che hanno valore di stigma''. Le sanzioni in Italia ''sono sempore verso le personae - ha spiegato - siamo ormai nekle fasi conclusive''.

Ancora sul prestito, Saccomanni ha evidenziato che si e' trattato di ''una operazione classica'', che rientrale ''nell'azione di central banking'', quindi ''il polverone che e' venuto fuori lascia molto perplessi: sono operazioni che hanno il fine di sostenere la liquidita' di una banca''. Inoltre, ''il prestito e' stato rimborsato nei tempi previsti, non c'e' nessun problema'', ha detto, ''non c'e' nessuna connotazione negativa''.

E' stato ''uno strumento che ha consentito di portare avanti il ricambio nella gestione dlela banca'', ha sottolineato, che ha ''consentito la moral suasion'' per lo cambio dei vertici.

L'azione di Vigilanza Bankitalia ''non si caratterizza nelle sanzioni''. Nella prima ispezione, in particolare nel 2010 ''non ci furono - dice - richieste da parte degli ispettori di sanzioni o di ricorso all'autorita' giudiziaria''. Chiedemmo ''un forte aumento di capitale, e una grossa ristrutturazione interna dei controlli e della gestione rischi. In seguito, nella seconda ispezione, ci fu una richiesta di sanzioni e il ricorso alla magistratura''.

ram/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech