giovedì 08 dicembre | 15:50
pubblicato il 28/mag/2014 10:01

Mps: Profumo, azionisti esteri sono opportunita' di sviluppo

Mps: Profumo, azionisti esteri sono opportunita' di sviluppo

(ASCA) - Firenze, 28 mag 2014 - L'ingresso di fondi esteri in Mps non e' un ''problema'' e anzi ''il frazionamento dei nostri azionisti, con la conseguente diversificazione della nazionalita' ritengo possa rappresentare una opportunita' di confronto e sviluppo''. Lo afferma il presidente di Mps Alessandro Profumo in una intervista a Stamptoscana.it.

''Non dimentichiamo - aggiunge il manager - che una forte componente estera nell'azionariato e' una novita' presente in tutte le principali aziende industriali e finanziarie del nostro Paese. Essere attrattivi per gli investitori internazionali e' anche sinonimo di fiducia nel Paese e questo rappresenta un'importante opportunita' per tutti gli imprenditori italiani e un fattore decisivo sia per la ripresa economica che per la creazione di nuove opportunita' di lavoro. Nel medio termine vedo MPS riprendere con forza il suo ruolo di terza banca del Paese, con la piena fiducia dei suoi cinque milioni di clienti, in grado di diventarne i migliori testimonial''.

A proposito della 'senesita'', Profumo afferma che ''sono da sempre sensibile alla parola ''comunita''. Comunita' per me significa legame stretto e virtuoso tra le persone e il territorio in cui queste vivono e lavorano. Quindi non dimenticheremo certo le radici di questa banca, cercando di continuare a dare valore aggiunto''.

Profumo parla anche della decisione di Antonella Mansi di non essere disponibile a un nuovo mandato per la guida della Fondazione Mps. ''Si tratta di motivazioni personali, che rispetto. Per quanto riguarda i rapporti tra Banca e Fondazione ritengo che debbano essere quelli usuali che intercorrono tra un'azienda ed il suo azionista. Certamente in questo ultimo periodo la presenza della Fondazione all'interno della compagine azionaria della Banca e' decisamente mutata. Dal 51% del recente passato e' arrivata oggi al 2,5%. Una presenza che sono certo le permettera', comunque, anche in futuro di poter svolgere un importante ruolo sul territorio senese, lavorando insieme agli altri azionisti 'pattisti' con i quali costituire un nucleo di soci stabili. Sono certo che il patto tra la Fondazione Mps e i nuovi soci sara' finalizzato ad accompagnare la banca nella direzione della stabilita'''. red-afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni