sabato 25 febbraio | 02:08
pubblicato il 29/apr/2013 21:49

Mps: Gip, non profilabili ipotesi reati usura e truffa

Mps: Gip, non profilabili ipotesi reati usura e truffa

(ASCA) - Siena, 29 apr - Nell'operazione di ristrutturazione di Alexandria, per il Gip di Siena Ugo Bellini, appare evidente che ''allo stato non siano profilabili'' i reati di usura e di truffa aggravate, ipotizzati dai Pm.

E' quanto si legge nel provvedimento con cui il giudice non ha confermato il decreto di sequestro emesso dai Pm di Siena Aldo Natalini, Antonino Nastasi e Giuseppe Grosso nei confronti di banca Nomura (per 1,8 mld), Giuseppe Mussari (2,3 mln), Antonio vigni (9,9 mln) e Gianluca Baldassarri (2,2 mln). Bellini ritiene ''carente'' il ''fumus dell'elemento materiale del reato di usura in concreto'' per l'operazione di ristrutturazione di Alexandria. Infatti, secondo il giudice, ''le ragioni dell'operazione Nomura non paiono immediatamente riconducibili a una difficolta' economica o finanziaria di Mps'' ma l'intervento dell'area finanza ''trae origine'' dalla ''necessita' di evitare di riportare a bilancio una perdita connessa a una azzardata operazione'', cioe' la nascita di Alexandria nel 2005. Tra l'altro, per il giudice, ''manca qualsiasi elemento obiettivo per ritenere come indebiti e sproporzionati i vantaggi economici derivati a Nomura''.

Per quanto riguarda la presunta truffa ai danni di Mps, per il giudice ''appare evidente'' che ''i silenzi e le reticenze provenienti dall'area finanza, le false informazioni e la mancanza di risposte adeguate nei confronti degli organi di vigilanza esterni all'istituto da parte dei vertici di Mps non erano volte a condizionare gli organi interni dell'istituto'' bensi' a ''evitare che l'operazione potesse non avere l'avallo della Banca d'Italia''. E' invece ''evidente - scrive il giudice - che tutte le altre componenti e aree della banca interessate alla complessa operazione vennero chiamate direttamente o indirettamente a partecipare'' tanto che ''ciascuno di essi segnalo' la propria contrarieta' all'operazione''.

I reati di usura e truffa erano ipotizzati dai Pm a carico di Mussari, Vigni, Baldassarri e di Sadeq Sayeed e Raffaele Ricci di Nomura. Per il giudice, inoltre ''difettavano'' anche ''i presupposti di urgenza e indifferibilita' per procedere alla esecuzione dei provvedimenti di sequestro''.

afe/mau/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech