sabato 03 dicembre | 16:36
pubblicato il 01/ago/2013 15:43

Mps: Fabi, no a ulteriori tagli posti. Puntare su riduzione costi

(ASCA) - Roma, 1 ago - ''Condividiamo la sollecitazione di Almunia a intervenire piu' incisivamente sul fronte dei costi amministrativi e sulle consulenze, ma non siamo disponibili ad accettare ulteriori tagli sui lavoratori del gruppo Mps''.

Lo dichiara, in una nota, il coordinamento Fabi del gruppo Mps.

''I dipendenti hanno gia' sostenuto con grande senso di responsabilita' notevoli sacrifici. Adesso - prosegue la nota - il rilancio del gruppo deve passare attraverso un deciso intervento sui costi amministrativi e sulle consulenze, cosi' come previsto dall'accordo sul piano industriale''.

Secondo il sindacato, ''un eventuale parere negativo dell'Unione europea sul piano Mps rischierebbe, infatti, di rallentare il progetto di rafforzamento della banca, gia' concordato con il sindacato. Auspichiamo, infine, il ritorno all'unita' di tutte le Organizzazioni Sindacali aziendali per condividere e rendere effettivo il rilancio del Gruppo, tenendo come presupposto l'accordo sul piano industriale del 19 dicembre 2012''.

com-fch/lus/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari