giovedì 19 gennaio | 18:57
pubblicato il 25/gen/2013 20:14

Mps: da assemblea ok a delega per aumento a servizio 'Monti Bond'

Mps: da assemblea ok a delega per aumento a servizio 'Monti Bond'

+++ Il Dg Viola: ''Non ci sono altre operazioni chiuse nei 'cassetti''' +++.

(ASCA) - Siena, 25 gen - Via libera dall'assemblea straordinaria di Mps alla delega al CdA per aumentare il capitale sociale per un controvalore massimo di 4,5 miliardi al servizio esclusivo dell'esercizio della facolta' di conversione della Banca dei nuovi strumenti finanziari 'Monti Bond'. Mps ha chiesto un intervento di 3,9 miliardi, comprensivo di 1,9 miliardi per la sostituzione dei precedenti 'Tremonti Bond'. La delega al CdA prevede anche la possibilita' di aumentare il capitale sociale di 2 miliardi al servizio esclusivo del pagamento in azioni degli interessi da corrispondere. Ha votato a favore oltre il 98%. La delega all'aumento di capitale sara' utilizzata solo in caso di necessita' di convertire in azioni i 'Monti Bond' ma il presidente di Mps Alessandro Profumo ha ribadito che l'obiettivo e' quello di ''rimborsare totalmente'' i 'Monti Bond'. Profumo: ''Non abbiamo soci pronti a entrare''.

''Non abbiamo alcun socio che prevediamo possa entrare''. Lo ha detto il presidente di Mps Alessandro Profumo, rispondendo ai soci in assemblea. ''Nel momento in cui andremo a esercitare la delega per l'aumento di capitale deciso nell'assemblea precedente - ha aggiunto - insieme agli altri soci rilevanti dovremo identificare chi sottoscrivera' l'aumento di capitale''.

Viola: cambiato management aree critiche e poi aperto i ''cassetti''.

In Mps ''il rinnovamento del management c'e' gia' stato'', in particolare ''nelle aree critiche in cui sono emersi i problemi''. Lo ha detto l'Ad di Mps Fabrizio Viola, ricordando, ad esempio, di aver chiesto e ottenuto, in gennaio, la ''risoluzione del rapporto di lavoro del precedente direttore finanziario''. Un notevole turn-over c'e' stato poi in estate. Questo, ha concluso, e' stato il ''presupposto per aprire i cassetti e trovare le cose che poi abbiamo dichiarato'' sui derivati. Ricostruendo la tempistica di come Mps abbia individuato i prodotti finanziari oggi sotto la lente, Viola ha spiegato che ''il direttore finanziario Baldassarri e' uscito a gennaio, i nuovi uomini della finanza sono entrati a luglio''. Nel frattempo, ''io ero Dg e ho cercato di far si' che non fossero fatte operazioni nuove, che non ci fossero situazioni fuori dal mio controllo''. Poi sono stati necessari tempi tecnici ''per mettere mano e andare a guardare il portafoglio attivita' finanziarie'', che nel complesso vede 35 miliardi di euro.

''Non e' qualcosa - ha ripreso Viola - che in una settimana si puo' capire. Queste operazioni, viste sulla base della documentazione, non evidenziavano criticita' o avevano delle criticita' da un punto di vista della redditivita' ma non della corretta valutazione del passato. In ottobre e' saltato fuori un documento in piu' che ci ha fatto rivedere certe valutazioni''. Il presidente Alessandro Profumo ha ribadito che ''in alcuni casi delle operazioni effettuate dalla gestione precedente non sono state comunicate in tutti gli elementi alle autorita' di vigilanza e quindi in caso c'e' stata una carenza dal punto di vista della banca. Dal nostro punto di vista sappiamo che e' necessario avere la piu' totale trasparenza e collaborazione con le autorita'''.

Il Dg: ''Non ci sono altre operazioni chiuse nei 'cassetti'''.

Mps non ha altre operazioni non conosciute chiuse nei 'cassetti' della Banca. Lo ha detto l'Ad Fabrizio Viola, rispondendo a una domanda dei giornalisti al termine dell'assemblea. A chi gli chiedeva se, dopo i casi di 'Alexandria', 'Santorini' e 'Nota Italia', ci fossero altre cose da tirare fuori dai 'cassetti', Viola ha risposto: ''A nostra conoscenza no, pero' per poter dire la parola fine occorre finire il lavoro. Ci siamo dati l'obiettivo di concludere entro i primi 10-15 giorni di febbraio e siccome e' materia delicata un po' di prudenza ci vuole''.

afe/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale