mercoledì 22 febbraio | 01:25
pubblicato il 06/ago/2013 12:19

Mps: Codacons, esposto contro Saccomanni a procura Siena

(ASCA) - Roma, 6 ago - Il Codacons ha annunciato oggi un esposto alla Procura della Repubblica di Siena contro il ministro dell'economia Fabrizio Saccomanni, in cui si chiede alla magistratura di accertare l'operato del Ministro in relazione alla vicenda Mps.

E' quanto si legge in un comunicato dell'associazione, che in una lettera aperta inviata oggi al Governo ed al Parlamento e per conoscenza al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed ai presidenti di Camera e Senato, ha rivolto un appello chiedendo le dimissioni immediate del ministro dell'Economia.

Alla base dell'esposto e dell'appello del Codacons, si legge nella nota, ''l'operato del ministro relativamente allo scandalo Mps e alle informazioni rese sulla questione all'Unione Europea. L'associazione sottolinea in particolare ''le rappresentazioni non veritiere alla Commissione Europea nella procedura di Aiuti di Stato di Mps, come emerge dalla lettera di risposta inviata dal commissario Almunia in data 16 luglio 2013 al ministro Saccomanni, accusato tra l'altro di fornire stime 'gonfiate'''. ''Grave poi - prosegue la lettera - il conflitto d'interessi in relazione alle responsabilita' del ministro in quanto direttore generale e membro del Direttorio, per le rappresentazioni non corrette fornite dalla Banca d'Italia al momento dell'attivazione nel giugno 2012 della procedura di aiuti di Stato, successivamente avvallate da Saccomanni non appena divenuto ministro''. Il Codacons denuncia inoltre ''il mancato esercizio dell'obbligo di tutela (duty of care) verso i contribuenti, che hanno corrisposto quattro miliardi di aiuti di Stato a Mps, e le responsabilita' emerse successivamente alla nomina a Ministro dell'Economia sia sulla banca, soggetta a vigilanza della Banca d'Italia di cui Fabrizio Saccomanni era direttore generale e membro del Direttorio fino alla nomina, sia su Sai Fondiaria soggetta a vigilanza dell'Ivass di cui Fabrizio Saccomanni era presidente''.

''Al di la' degli aspetti specifici che riguardano la vicenda Monte dei Paschi di Siena, - conclude il Codacons - l'operato del ministro Saccomanni, nel caso in cui non venga prontamente sanato, rischia di minare la fiducia dei nostri partners europei nei confronti del Paese con danni incalcolabili per le nostre finanze pubbliche tenendo conto che lo 'spread' non e' altro che la misura della affidabilita' che ci viene riconosciuta a livello internazionale. Per tutti questi motivi, il Codacons ritiene indispensabili le dimissioni del Ministro dell'economia, e a tal fine ha rivolto un appello alle piu' alte cariche dello Stato, al Governo e al Parlamento italiano''.

com-fch/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia