sabato 03 dicembre | 23:25
pubblicato il 23/gen/2013 18:50

Mps: banca in grado di assorbire effetti operazioni su derivati (1 upd)

(ASCA) - Roma, 23 gen - Mps ritiene di essere in condizioni di ''assorbire, dal punto di vista patrimoniale, le conseguenze delle scelte finanziarie, contabili e gestionali relative alle operazioni'' denominate Alexandria, Santorini e Nota Italia. E' quanto rende noto la stessa Mps in un comunicato a ''beneficio della massima chiarezza sullo stato attuale delle relative analisi e valutazioni'' sulle operazioni.

Nel comunicato inoltre Mps precisa che ''non risulta che alcuna delle operazioni in oggetto sia stata sottoposta all'approvazione del consiglio di amministrazione della banca, in quanto ciascuna rientrava nei poteri delle strutture preposte alla gestione operativa''. Mps ribadisce che le analisi in corso relative ad alcune operazioni strutturate poste in essere in esercizi precedenti e presenti nel portafoglio della Banca riguardano ad oggi esclusivamente le operazioni denominate ''Alexandria', ''Santorini' e ''Nota Italia' e le analisi, avviate nel mese di ottobre 2012 inizialmente su ''Alexandria' e successivamente estese anche a ''Santorini' e ''Nota Italia', essendo attualmente in via di completamento, consentiranno in tempi brevi prevedibilmente entro la prima meta' di febbraio al Consiglio di Amministrazione della banca di valutarne con precisione gli impatti e, quindi, di adottare eventuali misure, inclusa la modifica retrospettiva della relativa rappresentazione contabile. Prima di tale seduta consiliare la Banca non puo', ai sensi di legge, comunicare informazioni aggiuntive.

L'istituto senese ricorda che in via prudenziale e in considerazione dei possibili impatti patrimoniali derivanti dagli esiti delle analisi in corso ha richiesto un incremento per 500 milioni di euro dei ''Nuovi Strumenti Finanziari' (i cosiddetti ''Monti Bond'), in modo che tali impatti patrimoniali possano trovare un'adeguata copertura prudenziale.

Allo stesso tempo, Mps sta considerando il profilo gestionale delle operazioni in oggetto, vista la loro redditivita' attualmente negativa, la banca potrebbe considerare una rinegoziazione della relativa struttura di funding con l'obiettivo di migliorarne il rendimento, restando inteso che si procedera' a tale rinegoziazione solo qualora cio' fosse ritenuto conveniente nell'esclusivo interesse della Banca stessa e dei suoi azionisti e senza pregiudizio per la sua posizione giuridica e reputazionale rispetto a quanto accaduto in passato.

Inoltre, con riferimento ad ''Alexandria' e ''Santorini', operazioni per le quali appare presumibile un collegamento con perdite derivanti da investimenti pregressi, Mps precisa che le stesse rappresentano investimenti effettuati da parte della banca in BTP a lunga durata, finanziati attraverso operazioni di pronti contro termine e le cui cedole sono state oggetto di asset swap al fine di gestire il rischio tasso assunto. L'analisi relativa a tali operazioni sono da ricondursi al costo della struttura dei finanziamenti dei BTP acquistati dalla banca, che non costituiscono quindi strumenti derivati bensi' operazioni di pronti contro termine su titoli di Stato italiani, e al loro potenziale pricing in collegamento con le perdite derivanti da investimenti pregressi. La banca inoltre conferma che l''investimento originariamente effettuato in ''Santorini' e' stato liquidato nel 2009, mentre quello in ''Alexandria' e' stato interamente rimborsato alla Banca durante il mese di dicembre 2012.

L'unica operazione oggetto dell'analisi, che peraltro presenta caratteristiche diverse dalle prime due in quanto non collegata a sua volta con gli altri investimenti pregressi effettuati dalla Banca stessa, e che incorporava uno strumento derivato, avente come sottostante il rischio sovrano della Repubblica Italiana, e' la c.d. ''Nota Italia'.

A differenza di ''Alexandria' e ''Santorini', ''Nota Italia' e' un investimento effettuato dalla Banca nel 2006 in un prodotto di credito strutturato al quale era associata la vendita da parte della Banca di protezione sul rischio sovrano della Repubblica Italiana. Con riferimento a questa operazione la Banca comunica di aver recentemente ristrutturato tale investimento mediante l'eliminazione della sua componente derivativa legata al rischio sovrano Italia e che, a seguito della chiusura del derivato, la rimanente parte dell'investimento iniziale rimane correttamente classificata tra i Loans and Receivables.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari