sabato 21 gennaio | 12:07
pubblicato il 27/mar/2014 14:25

Mps: Banca cita Codacons per diffamazione e chiede 30 mln danni

(ASCA) - Siena, 27 mar 2014 - Banca Mps ha denunciato il Codacons per diffamazione e chiede all'associazione un risarcimento del danno di almeno 30 milioni di euro.  Lo si legge nell'atto di citazione in giudizio presso il tribunale di Roma, notificato al Codacons il 4 marzo scorso.  Banca Mps, si legge, ''nella persona del suo presidente e rappresentante legale pro tempore Alessandro Profumo'' chiede di ''condannare in solido il Codacons e i signori Carlo Rienzi (presidente del Codacons,ndr) e Giuseppe Bivona (delegato e consulente dell'associazione, ndr) a risarcire a banca Mps tutti i danni di natura patrimoniale e non patrimoniale subiti e subendi, sin d'ora indicati nella somma di almeno 25 milioni di euro per i danni patrimoniali e di almeno 5 milioni per quelli non patrimoniali'' e ''a rifondere le spese legali quantificate in 520mila euro''.

Banca Mps ritiene di esser stata vittima dei reati di calunnia, ingiuria e diffamazione avendo il Codacons provocato una ''ingiusta lesione del diritto di immagine e alla reputazione della banca''.  Secondo banca Mps, dopo un anno di ''continui attacchi'' e ''accuse strumentali'', il Codacons ha sostenuto che gli aiuti di Stato ricevuti dalla banca sarebbero stati attuati ''in modo abusivo cercando di far credere ai soci e al mercato che l'operazione di aumento di capitale da 3 miliardi varata da Mps con il placet della Commissione Europea costituisca in effetti un modo, per lo piu' surrettizio, per riparare a detti abusi''. Secondo i legali della banca, si tratta di ''un attacco gravissimo e irresponsabile con finalita' eccentriche e contrarie agli scopi istituzionali dell'associazione, volto a minare alla radice uno snodo vitale con cui l'attuale gestione sta cercando di risollevare le sorti della terza banca d'Italia''.

''Tale campagna - e' la conclusione - ha assunto nel tempo i connotati di una persecuzione nei confronti della banca, con toni pregiudizialmente e inammissibilmente denigratori anche del management in carica''.

afe/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Fisco
Panama Papers, Agenzia Entrate individua primi 700 soggetti
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4