martedì 17 gennaio | 12:41
pubblicato il 22/gen/2014 16:42

Mps: Baldassarri, per Alexandria migliore offerta fu di Credit Suisse

(ASCA) - Siena, 22 gen 2014 - Per la ristrutturazione di Alexandria erano arrivate tre proposte, quelle di Jp Morgan, Nomura e Credit Suisse e quella migliore era ritenuta dall'ex capo dell'area finanza Gianluca Baldassarri quella della banca svizzera. Lo ha detto lo stesso manager sentito oggi nell'udienza in cui e' imputato per ostacolo delle funzioni dell'autorita' di vigilanza insieme all'ex presidente Giuseppe Mussari e all'ex direttore generale Antonio Vigni.

La decisione sulla ristrutturazione di Alexandria, ha detto Baldassarri, ''fu maturata in una serie di colloqui che ebbi con Vigni'' dopo la crisi internazionale del 2007, quando la situazione era ''molto drammatica''. In Alexandria c'erano ''molti titolo americani'' e di questo ''ne discutemmo con Vigni e io gli rappresentai la situazione, dicendogli che era assai improbabile che il titolo facesse default ma non si poteva escludere'', che ''aveva una dimensione molto importante'' e c'era anche la preoccupazione per l'eventuale ''impatto mediatico che avrebbe potuto avere se il titolo avesse avuto problemi. Facemmo una valutazione prudenziale sull'opportunita' di farlo e concludemmo che comprare una assicurazione valeva la pena se avesse avuto costi ragionevolmente contenuti. Assunsi la decisione con Vigni e ne parlai con il presidente Mussari in una seconda fase quando gia' avevamo un'idea sulle modalita' per fare la ristrutturazione. Con Mussari ebbi forse uno o due incontri''. Per l'operazione arrivarono proposte da tre soggetti: Jp Morgan, Nomura e Credit Suisse. ''Quella di Jp - ha spiegato Baldassarri - era molto simile a quella di Nomura, quella che ci piaceva di piu' perche' piu' rispondente alle nostre esigenze era quella di Credit Suisse perche' aveva il grande vantaggio di funzionare come una polizza assicurativa con il pagamento di un premio con Credit Suisse che si sarebbe accollata l'eventuale danno e conteneva anche una clausola di interruzione. Pero' purtroppo fu bocciata da Daniele Bigi'', all'epoca a capo dell'area amministrazione e bilancio, ''perche' mi rispose che la sommatoria di tutti i premi futuri avrebbe dovuto essere portata a bilancio nell'esercizio in corso nel 2009. Insistetti abbastanza ma fu irremovibile''. Poi ''a un certo punto Jp si e' ritirato'' perche' il progetto ''fu bocciato dal comitato americano''.

Baldassarri ha anche affermato che ''a Vigni illustrai tutte e tre le proposte a Mussari ilustrai sicuramente quelle di Jp e Nomura e a grandi linee anche Credit Suisse'' perche' ''adatto il mio linguaggio all'interlocutore''. La conference call del 7 luglio a cui parteciparono Mussari e Vigni fu ''richiesta da Nomura'' che chiedeva ''contezza del fatto che i vertici della banca fossero consapevoli dell'operazione''.

Nomura mando' un ''canovaccio'' e ''le risposte furono fatte a quattro mani da me e Bigi''.

Per quanto riguarda i controlli della Banca d'Italia, al pm che chiedeva per quale motivo non abbia esibito il mandate agreement agli ispettori, Baldassarri ha risposto ''perche' non me lo chiesero''. Successivamente, Baldassarri ricevette una e-mail da Bankitalia in cui, ha detto, gli si chiedevano informazioni su ''evoluzione del tasso, della marginazione e di tutte le operazioni fatte con Nomura da marzo 2009 a dicembre 2010.

Rispetto a queste richieste ho dato solo il mio pezzetto'' perche' il resto spettava ad altri. Al pm che chiedeva se in questa occasione avesse fornito il mandate, Baldassarri ha risposto ''no, non entrammo in argomento''.

afe/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Parigi, la protesta dei motociclisti "vintage" francesi
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate