domenica 04 dicembre | 03:14
pubblicato il 18/giu/2013 17:42

Moto: Ancma, 2012 ancora il rosso, mercato nuovo in perdita del 22%

(ASCA) - Milano, 18 giu - Il 2012 si e' chiuso ancora in rosso per il mercato delle due ruote. I numeri resi noti da Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) durante l'assemblea generale dell'associazione non lasciano spazio a dubbi: il totale delle immatricolazioni dei mezzi 2 ruote a motore superiori ai 50cc di cilidrata fa registrare un crollo del 21,8% rispetto all'anno precedente.

Piu' contenuta la flessione per gli scooter (-14,5%), mentre le moto sono calate del 28,5%. Ancora piu' sensibile le perdite fatte registrare dai cinquantini: -31,7%. Male anche il mercato dell'usato (che vale il doppio dei volumi del nuovo) che per la prima volta nel 2012 si pone in territorio negativo facendo segnare una regressione del 10,5%. Il Presidente di Ancma, Corrado Capelli, sollecita il governo su infrastrutture e sicurezza. ''Il costo sociale riferibile agli incidenti sulle due ruote e' di circa 8 miliardi di euro ma una parte rilevante, stimabile in circa 1,5 miliardi di euro - spiega - e' da imputarsi alle infrastrutture carenti, in quanto non tengono conto di chi viaggia su 2 ruote (bici e moto) e oltre che obsolete sono spesso pericolose''.

fcz/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari