lunedì 27 febbraio | 18:03
pubblicato il 09/ott/2011 14:22

Morti bianche/ Sacconi: Su sicuezza serve riforma costituzionale

Per avere regole omogenee competenza vada a Stato

Morti bianche/ Sacconi: Su sicuezza serve riforma costituzionale

Roma, 9 ott. (askanews) - La sicurezza sul lavoro deve essere oggetto di una riforma costituzionale che riporti tutte le competenze allo Stato centrale per avere omegeneità di regole. Questa l'indicazione arrivata dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, in occasione della 61esima giornata per le vittime degli incidenti stradali. Serve - ha detto Sacconi - "una riforma costituzionale. Mi auguro che sia il Parlamento, e con voto unanime, a riportare tutte le competenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro allo Stato. Sono un federalista convinto ma abbiamo bisogno di regole omogenee sul territorio". Per il ministro si deve poi "rivalutare ulteriormente i criteri per il danno biologico". Presto poi sarà operativo il decreto sui "lavori confinati" per tutelare maggiormente i lavoratori che operano in ambienti chiusi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech