sabato 03 dicembre | 20:51
pubblicato il 09/ott/2011 14:22

Morti bianche/ Sacconi: Su sicuezza serve riforma costituzionale

Per avere regole omogenee competenza vada a Stato

Morti bianche/ Sacconi: Su sicuezza serve riforma costituzionale

Roma, 9 ott. (askanews) - La sicurezza sul lavoro deve essere oggetto di una riforma costituzionale che riporti tutte le competenze allo Stato centrale per avere omegeneità di regole. Questa l'indicazione arrivata dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, in occasione della 61esima giornata per le vittime degli incidenti stradali. Serve - ha detto Sacconi - "una riforma costituzionale. Mi auguro che sia il Parlamento, e con voto unanime, a riportare tutte le competenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro allo Stato. Sono un federalista convinto ma abbiamo bisogno di regole omogenee sul territorio". Per il ministro si deve poi "rivalutare ulteriormente i criteri per il danno biologico". Presto poi sarà operativo il decreto sui "lavori confinati" per tutelare maggiormente i lavoratori che operano in ambienti chiusi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari