venerdì 24 febbraio | 03:12
pubblicato il 15/mag/2014 18:24

Minucci (Ania): su previdenza Italia in ritardo, la crisi pesa

"Ritardi incidono su competitività sistema economico"

Minucci (Ania): su previdenza Italia in ritardo, la crisi pesa

Milano, (askanews) - L'Italia "è in ritardo" nel sistema di previdenza, ma ci troviamo "in una fase di crisi economica che sta durando in modo particolarmente pesante e il Paese ha profonde problematiche quindi in questa fase è più difficile prevedere interventi che diano significative svolte a questo tema". Lo dice Aldo Minucci, presidente di Ania, l'Associazione nazionale delle imprese assicuratrici, a margine della Giornata nazionale della previdenza a Milano. Oggi, dice, "è difficile invitare le imprese a favorire un'allocazione di risorse nei rinnovi contrattuali in queste forme di previdenza". Per quanto riguarda i ritardi accumulati nei confronti degli altri Paesi "questi - secondo Minucci - incidono sulla competitività del nostro sistema economico: dunque se non imbocchiamo questo sentiero accumuliamo componenti che sarà sempre più difficile da recuperare".

Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech