sabato 10 dicembre | 17:33
pubblicato il 03/dic/2013 20:41

MilanoSesto: Renzo Piano ed il suo progetto

MilanoSesto: Renzo Piano ed il suo progetto

(ASCA) - Milano, 3 dic - ''Sono stati anni difficili, il lavoro e' stato lungo, ma queste cose non si fanno in fretta: se un architetto sbaglia, il suo errore resta per sempre'': in occasione dell'avvio ai lavori di risanamento dell'area nota come ex Falck, a Sesto San Giovanni (Milano), l'architetto e senatore a vita Renzo Piano ha raccontato a Il Ghirlandaio con passione non solo il progetto che ha curato, ma anche la sua visione di ''citta' del futuro''.

La nuova Sesto sara' ''un mix funzionale: avremo il terziario, il residenziale e il commerciale, ma soprattutto la salute'' ha sottolineato Piano. All'avanguardia dal punto di vista energetico e per i lavori di bonifica. Il cuore del nuovo quartiere sara' la Citta' della Salute e della Ricerca, che riunira' due eccellenze lombarde: l'Istituto dei Tumori e il neurologico Besta. ''Mi piace immaginare l'ospedale come una grande fabbrica, una fabbrica bianca. Una fabbrica di conoscenza: ecco che cosa mi colpisce''. Una ''fabbrica'' da 700 posti letto e quasi tremila addetti, che costera' 450 milioni di euro, di cui 330 stanziati dalla Regione, 40 dal ministero della Salute e il resto da privati.

L'intero progetto ha rappresentato una grossa sfida per Renzo Piano. Perche' non si tratta semplicemente di recupero industriale. ''E' evidente come la fabbrica Falck sia tuttora un pezzo di citta': la citta', con le acciaierie, e' diventata fabbrica. Ora la fabbrica diventa citta''' ha continuato il senatore a vita.

Adesso, ''questo brown field diventera' un green field'' dove tutto ha inizio nella piazza. O meglio, nelle dieci piazze previste dal progetto, ''luoghi di incontro dove la vita si struttura'', per dirla con le parole di Piano. A sottolineare, ancora una volta, il legame con la parte gia' costruita di Sesto ma anche con Milano, a cui sara' collegata da un corridoio verde realizzato con quegli alberi che dovranno essere sradicati a causa dei lavori di bonifica. ''E cancellate la parola 'periferia', perche' non lo e''': Renzo Piano, del resto, e' particolarmente impegnato, con un suo gruppo di lavoro, sul tema delle periferie e della marginalita' e su come trasformarle in luoghi del futuro.

Il progetto sara' innovativo non solo per il grande recupero che si fara' dei piu' importanti edifici industriali, sotto osservazione anche dell'Unesco, ma anche per le tecnologie che saranno utilizzate: dal punto di vista energetico e poi proprio per i lavori di bonifica. Questi ultimi, infatti, vedono il coinvolgimento di soggetti privati, poiche' se ne occupa la societa' proprietaria dei terreni, cioe' Sesto Immobiliare, la holding che fa capo a Davide Bizzi e in cui e' entrato anche Sorgente Group con una quota di poco piu' del 21%. Ci vorranno 280 milioni di euro per coprire tutta l'area, 1,4 milioni di metri quadrati. I veri e propri lavori di bonifica inizieranno a partire dalla zona che ospitera' la Citta' della Salute il prossimo gennaio, quando arrivera' il via libera di un decreto ministeriale. Allora si sapra' anche chi avra' vinto la gara per effettuare il risanamento dell'area.

sat/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina