mercoledì 07 dicembre | 19:43
pubblicato il 15/apr/2014 19:33

Micron: Fim-Cisl, 87% lavoratori dice si' ad accordo

(ASCA) - Roma, 15 apr 2014 - Si e' tenuta nelle giornate del 14 e 15 aprile la consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori della Micron sull'ipotesi di accordo raggiunta con il gruppo Micron il 9 aprile scorso al Ministero del lavoro, alla presenza dei rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, delle Regioni e della Presidenza del Consiglio. I lavoratori hanno approvato con il'87 % di Si l'ipotesi di accordo. Per Nicola Alberta, Coordinatore nazionale Fim Cisl del gruppo Micron-STM , ''i lavoratori Micron, hanno mostrato una profonda consapevolezza della situazione ed espresso il pieno sostegno all'iniziativa sindacale e alla straordinaria mobilitazione che ha reso possibile l'accordo. I lavoratori, continua Alberta - hanno reagito con dignita' e determinazione alle scelte irresponsabili della multinazionale e hanno avuto ragione, conquistando un accordo di tutela e di prospettiva''. Le Assemblee che hanno preceduto il referendum - si legge in una nota - sono state molto partecipate e hanno visto una discussione vivace e approfondita sui contenuti dell'intesa e sulle prospettive. Non sono state nascoste le difficolta', ma la conclusione del dibattito e del successivo voto ha visto una larga convergenza a sostegno dell'intesa raggiunta dai sindacati e dal coordinamento nazionale. Con l'intesa sono stati scongiurati i 419 licenziamenti minacciati dall'azienda e sono stati ottenuti impegni per il consolidamento della presenza Micron nel nostro Paese e per la tutela dell'occupazione; 85 posizioni di lavoro recuperate in Micron, oltre a 40 opportunita' di trasferimento in sedi diverse in ambito nazionale, mentre 170 lavoratori verranno riassorbiti dalla ST Microelectronics, una delle principali aziende del settore, da cui provengono i lavoratori e le attivita' di ricerca nel campo delle memorie cedute nel 2007 a Micron. 62 invece sono le opportunita' offerte di trasferimento all'estero nell'ambito del gruppo multinazionale Micron. Viene avviato un piano di riorganizzazione con il ricorso alla Cassa integrazione per 12 mesi, nel corso del quale saranno attivate iniziative di formazione e riqualificazione e di sostegno alle ricollocazioni sul territorio. Sono previste misure di sostegno al reddito per i lavoratori sospesi e incentivazioni a fronte di adesioni volontarie ai trasferimenti e alla mobilita'. Si apre ora, conclude Alberta, una fase non meno impegnativa di gestione dell'accordo, per garantire il rispetto degli impegni e la piena tutela dei lavoratori, e la nostra determinazione non verra' meno.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni