mercoledì 18 gennaio | 15:13
pubblicato il 20/ott/2015 18:05

Micossi: con euro più corruzione e meno produttività nei "Piigs"

E resta alta disoccupazione che al centro si è normalizzata

Micossi: con euro più corruzione e meno produttività nei "Piigs"

Roma, 20 ott. (askanews) - L'euro ha paradossalmente finito per favorire un aumento della corruzione e un calo della produttività nei Paesi periferici, i "Piigs", l'acronimo inglese, chiaramente dispregiativo, che raggruppa Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna. E' l'amara tesi sostenuta da Stefano Micossi, direttore generale di Assonime e componente di Cdp, durante il convegno a Roma sul libro "Eurozona: come tornare a crescere?" di Alberto Majocchi.

La valuta unica era stata concepita, dai suoi ideatori, come potenziale fulcro di crescita e produttività. Invece nei Piigs, o "i porcellini", come preferisce chiamarli Micossi, "con l'euro si è andati a finire in un lassismo di bilancio che ha portato ad un accumulo stabile di debiti andati a finanziare spesa cattiva. La produttività è precipitata e intanto è peggiorata la qualità delle istituzioni e la corruzione".

Come se non bastasse, ora che la crisi sembra alle spalle, sempre i "i porcellini" mostrano un divario forse ancor più stridente rispetto ai Paesi centrali dell'area valutaria: questi ultimi sono riusciti a ricondurre la disoccupazione vicina ai "livelli fisiologici", nei Paesi della periferia invece resta elevatissima. "Lo si vede sempre più chiaramente", ha detto l'economista durante l'incontro organizzato dallo Iai, Istituto Affari Internazionali.

E a differenza di quanto suggerisce Majocchi - che nel suo libro chiede un piano di rilancio europeo basato su un fondo di investimenti gestito da una nuova istituzione intermedia, un primo passo verso un Tesoro europeo - secondo Micossi "questa storia non si affronta e non si risolverà né con un bilancio comune, né con un aumento dei deficit". Inutile quindi anche allentare le manovre di risanamento dei conti.

Certo, "se riuscissimo a investire l'1 oper cento del Pil in cose buone aiuterebbe". Ma allo stato attuale "non è per nulla facile". Secondo Micossi l'unica è "rimettere al centro il problema della qualità delle istituzioni di governo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa