martedì 24 gennaio | 12:36
pubblicato il 15/mag/2013 12:37

Metalmeccanici: Palombella (Uilm), Fiom abbandoni via giudiziaria

(ASCA) - Roma, 15 mag - ''Riteniamo a questo punto che la Fiom debba prendere atto che il nostro Contratto nazionale e' valido ed e' legittimo, come gli altri contratti che abbiamo sottoscritto''. Lo afferma Rocco Palombella, segretario generale della Uilm in un articolo per il sito ''Amici di Marco Biagi'', associazione di cultura riformista che sara' on line da oggi.

''Da questo possiamo partire - scrive il leader dei metalmeccanici della Uil a due giorni dalla sentenza del tribunale di Roma che ha respinto il ricorso avverso della Fiom al rinnovo del Ccnl - per un confronto costruttivo tra Fim, Fiom e Uilm per affrontare le questioni del lavoro, del rispetto degli accordi che si sottoscrivono, le questioni della rappresentanza sindacale a partire dall'accordo del 28 giugno 2011 di Cgil, Cisl e Uil''. Purtroppo - aggiunge Palombella -, ''dai metalmeccanici della Cgil ci giunge, in particolare dal gruppo dirigente la decisione di presentare ricorso rispetto all'ordinanza del tribunale, mentre un'altra parte, sicuramente minoritaria all'interno del sindacato stesso, invita pubblicamente la stessa Fiom ad abbandonare definitivamente la fallimentare via giudiziaria. E' bene che questo sindacato faccia pace con se' stesso e si decida a parlare con voce unica rispetto alle scelte che intende intraprendere''. Per chi non lo sapesse - ricorda il leader sindacale - ''esistono problemi tra i sindacati metalmeccanici (la Uilm con la Fim da una parte, la Fiom dall'altra) addirittura rispetto alle modalita' attraverso cui si gestisce il palazzo della sede nazionale di corso Trieste. Intanto, proprio su questa vertenza, un ottimo segnale sarebbe la decisione di risolverla evitando il ricorso a giudici, o liquidatori, perche' si tratta di un patrimonio costruito con le risorse dei lavoratori metalmeccanici Italiani''. Secondo Palombella ''poi, un concreto segnale politico da parte degli stessi metalmeccanici della Cgil sarebbe quello di rinunciare a presentare ricorso sulle decisioni del tribunale di Roma depositate lo scorso 13 maggio. Cosi' si possono creare le condizioni per far ripartire un dialogo tra le parti. Siamo fermamente convinti che e' proprio finita l'epoca di risolvere per via giudiziaria questioni che dovrebbero costituire oggetto della dinamica sindacale, ma data la necessita' di fronteggiare la crisi, e' bene adoperarsi insieme nel tentativo di determinare una risposta efficace all'arretramento nelle tutele economiche faticosamente raggiunte per i lavoratori. Tale convinzione, pero', deve essere comune''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4