sabato 10 dicembre | 16:17
pubblicato il 06/nov/2015 19:03

Metalmeccanici, Palombella: su contratto trattativa avviata

Positivo che Fim, Fiom e Uilm siano insieme al tavolo

Metalmeccanici, Palombella: su contratto trattativa avviata

Roma, 6 nov. (askanews) - Un incontro positivo che permette di avviare un percorso verso il rinnovo del contratto che non era scontato. Il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella giudica positivamente l'avvio della trattativa con Federmeccanica per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici.

In una videoinervista ad Askanews Palombella, il giorno dopo l'avvio della trattativa, illustra le sue prime riflessioni. "Il primo incontro possiamo dichiarare che è stato un incontro positivo, abbiamo registrato le proposte da parte di Federmeccanica, sono proposte che in parte conoscevamo già che però ieri sono state esplicitate e rappresentate anche alle nostre delegazioni. Sono proposte molto dure e sicuramente ci sarà un percorso molto complicato e difficile, però, la cosa positiva è che siamo riusciti finalmente ad avviare questo percorso e non era scontato".

Secondo il leader della Uilm poi "l'altro elemento di novità è che pur partendo da due piattaforme diverse c'è stato un unico tavolo. Dopo sei anni che la Fiom non era al nostro tavolo ieri era al nostro fianco e riteniamo che la posta in gioco in questo momento non è la diversità tra le organizzazioni ma soprattutto la capacità che avremo di realizzare un contratto".

In merito alla proposta avanzata da Federmeccanica di stabilire un salario minimo garantito, prendendo ad esempio la Fiat, Palombella è categorico: "con la Fiat abbiamo realizzato un accordo sicuramente in una fase di inflazione anzichè che in recessione e siamo riusciti a garantire salario ai lavoratori. Federmeccanica propone un modello che ci faremo spiegare bene e parla di un salario di garanzia che si presenta però come un sistema che destabilizza il sistema contrattuale, cioè ci proporranno degli incrementi salariali che verranno estesi solo a quei lavoratori che avranno i minimi contrattuali e questo ovviamente mette in discussione e soprattutto crea divisione all'interno della grande categoria. Immaginiamoci un milione e seicentomila lavoratori con retribuzioni diverse perchè quel salario sarà garantito solo a quei lavoratori che non hanno altri emolumenti retributivi cioè come se fossero dei nuovi assunti quindi si rivolgerebbe al 3% dei lavoratori. Noi possiamo rinnovare un contratto dove i beneficiari sono il 3%? Presumo che questa cosa non sia possibile".

Riguardo alla volontà di Federmeccanica di arrivare ad un contratto innovativo con il placet di Confindustria, Palombella ha ricordato che "Confindustria ha provato a realizzare un'intesa con Cgil, Cisl e Uil. I sindacati hanno provato a condizionare Confindustria e alla fine non c'è stata la possibilità di realizzare un'intesa. Squinzi ha preferito la scorciatoia di realizzare un accordo con la sua categoria mettendo in sicurezza i chimici e adesso sposta tutta la materia in mano alla grande categoria sempre alla categoria di avanguardia e la peggiore umiliazione che noi possiamo fare, cioè quella di modificare il sistema contrattuale noi metalmeccanici lì dove non è riuscita Confindustria, quindi, ritengo che la dichiarazione fatta da Storchi ieri è una dichiarazione molto impegnativa e per alcuni versi anche poco prudente nel senso che lui non può agire lì dove Confindustria e Cgil, Cisl e Uil non sono riusciti a fare un'intesa". Secondo il numero uno dei metalmeccanici della Uil "quindi, la nostra trattativa proprio per queste ragioni sarà complicata perchè noi sicuramente siamo disponibili a fare un contratto innovativo però la parola innovazione è un qualcosa di positivo, il problema è che dietro l'innovativo non si può nascondere una deregolamentazione del sistema contrattuale. Il sistema contrattuale in Italia è una delle cose più importanti e più belle che abbiamo, nel senso che riguarda tutti i lavoratori e soprattutto ha anche una funzione legislativa nel senso che i contratti nazionali di lavoro vengono utilizzati dalla magistratura del lavoro come punto di riferimento per regolare gli eventuali contenziosi esistenti tra le parti quindi noi lo dobbiamo difendere e non deregolamentare".

Riferendosi alla possibilità che il recente accordo sul contratto dei Chimici e il probabile imminente degli Alimentaristi Palombella ha ammesso che "sicuramente il contratto dei chimici è stato un elemento di positività, noi l'abbiamo considerato positivo proprio perchè ha mantenuto i criteri dei sistemi contrattuali, il primo e il secondo livello, cioè quello nazionale e quello legato agli obiettivi aziendali. Noi ci auguriamo che gli alimentaristi chiudano il contratto sapendo però che questo anzichè agevolare all'interno delle imprese la possibilità di modificare il sistema sulla base di quelli già chiusi si sono ulteriormente divisi e noi questa cosa la consideriamo un fatto grave. Noi - ha concluso - riteniamo che la chiusura di questi contratti ci può dare la possibilità anche a noi di poter dire, come abbiamo detto ieri, che le nostre richieste salariali sono in linea con le richieste di altre categorie e ovviamente la chiusura di quelle categorie può permettere anche a noi di dire che quello è il modello che noi dobbiamo prendere a riferimento cioè un contratto che stabilisce due livelli di contrattazione, che stabilisce un salario minimo per tutti i lavoratori, che stabilisce la possibilità di poter rinnovare i contratti di secondo livello come avverrà, mi auguro, in tutti e due i contratti".

Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina