sabato 25 febbraio | 12:27
pubblicato il 18/ago/2016 11:35

Mercati, quasi 500 mln persone vivono in Paesi con tassi sottozero

Kingston (S&P Global): sono segnali disperati con potenziali danni

Mercati, quasi 500 mln persone vivono in Paesi con tassi sottozero

Roma, 18 ago. (askanews) - Quasi 500 milioni di persone vivono oggi in Paesi con politiche di tassi di interesse negativi . E' quanto emerge dalle cifre pubblicate da Standard & Poor's Global, consociata del colosso Usa dei rating, che ha pubblicato una serie di report sull'impatto dei tassi di interesse negativi sui mercati finanziari e le economie globali.

L'analisi di S&P si focalizza su come i tassi di interesse negativi siano diventati lo strumento preferito delle banche centrali e dei governi per stimolare le economie in cui la crescita sembra del tutto immune alle misure fiscali e monetarie tradizionali, e sui possibili effetti della loro applicazione.

"I tassi di interesse negativi sono stati a lungo considerati da molti economisti una strategia radicale o addirittura una impossibilità matematica. Tuttavia alcune fra le più importanti economie a livello globale stanno guardando con crescente interesse ai tassi negativi per far ripartire le economie in stallo, avendo a disposizione altri strumenti a impatto limitato o considerati "politicamente impraticabili", ha dichiarato in una nota John Kingston, Director di Global Market Insights, S&P Global e responsabile progetto per il report. "Tuttavia il percorso verso un contesto di tassi negativi, in ogni circostanza presa in considerazione, è chiaramente un segnale disperato, con una serie di potenziali danni economici derivanti da queste politiche".

"L'implementazione di tassi negativi da parte delle banche centrali - sottolinea l'economista - ha raggiunto proporzioni senza precedenti, e riflette sia i limiti delle precedenti politiche monetarie non convenzionali, sia una generale incapacità di utilizzare gli stimoli fiscali per dare inizio alla crescita economica" conclude Kingston. "Tuttavia riteniamo che questo approccio politico estremo avrà delle conseguenze, volute e non, per i mercati, gli equilibri macroeconomici, gli investitori, i consumatori e i decisori politici". l

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech