sabato 03 dicembre | 06:00
pubblicato il 09/lug/2013 17:20

Mef: sindacati, siglato accordo per riorganizzazione dicastero

(ASCA) - Roma, 9 lug - E' stato firmato questa mattina il protocollo d'intesa tra il Ministero dell'Economia e della Finanze e i sindacati per dare il via ad un positivo processo di razionalizzazione organizzativa anche nel dicastero finanziario. Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Pa esprimono soddisfazione per un accordo - si legge in una nota sindacale - che finalmente avalla uno dei principi da sempre sostenuti dalle stesse organizzazioni sindacali e cioe' che i tagli di budget devono riguardare solo le spese improduttive ed i costi ingiustificati, superando quella logica dei tagli lineari a risorse e organici che ha causato fin troppi danni alla funzionalita' della Pubblica Amministrazione.

''Ora - affermano i sindacati - anche per gli altri enti centrali non ci sono piu' scuse. La lotta agli sprechi e l'obbligo di rivedere voce per voce l'utilizzo dei soldi pubblici vanno estesi a tutte le amministrazioni pubbliche: ministeri, agenzie, enti pubblici non economici devono cambiare il modo di gestire, organizzare e produrre servizi pubblici. E devono farlo con il coinvolgimento dei lavoratori e delle parti sociali''. ''Quello firmato oggi - spiegano le tre categorie del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil - e' un protocollo politico che impegna il Mef a verificare i flussi di spesa interni e ad individuare i capitoli di bilancio da cui ricavare risorse aggiuntive da destinare ai contratti dei lavoratori. Una volta conclusa la verifica, con il pieno coinvolgimento dei sindacati, si procedera' alla quantificazione dei risparmi e poi alla contrattazione per l'erogazione al personale delle risorse ricavate''. Si aggiunge quindi un tassello importante al modello su cui i sindacati hanno scommesso con determinazione: ''Sostenere le retribuzioni anche attraverso l'eliminazione degli sperperi e il taglio di consulenze e spesa improduttiva, che gravano pesantemente sui bilanci degli enti pubblici. Questo modello di riorganizzazione e' destinato a produrre benefici per tutti, cittadini utenti e operatori: si tratta di una operazione che consentira' di conseguire un duplice obiettivo, il miglioramento della qualita' dei servizi pubblici e il riconoscimento della professionalita' dei lavoratori del pubblico impiego''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari