sabato 21 gennaio | 23:43
pubblicato il 10/giu/2014 15:55

Mef: ad aprile nuove partite Iva in calo del 3,3% a 45 mila

Mef: ad aprile nuove partite Iva in calo del 3,3% a 45 mila

(ASCA) - Roma, 10 giu 2014 - Ad aprile sono state aperte 45.879 nuove partite Iva con un moderato calo del 3,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. E' quanto emerge dall'Osservatorio del Dipartimento delle finanze del Mef. La distribuzione per natura giuridica evidenzia che la quota relativa alle persone fisiche nelle nuove aperture e' pari al 72,8% del totale, le societa' di capitali sono pari al 20%, le societa' di persone si attestano al 6,4%, mentre la quota dei ''non residenti'' ed ''altre forme giuridiche'' rappresenta solo lo 0,7% del totale. Rispetto ad aprile 2013, si assiste ad un aumento di aperture delle societa' di capitali (+12,6%), legato verosimilmente alle recenti norme civilistiche che facilitano l'apertura di societa' a responsabilita' limitata, calano invece le aperture di persone fisiche (-6,7%) e di societa' di persone (-7,1%). Riguardo alla ripartizione territoriale, il 42,5% delle partite Iva avviate ad aprile 2014 e' localizzato al Nord, il 22,6% al Centro e il 34,8% al Sud e Isole. Il confronto con lo stesso mese dell'anno precedente mostra aumenti di aperture piu' pronunciati in Valle d'Aosta (+19,5%) e Molise (+12,8%), mentre flessioni piu' evidenti si osservano in Puglia (-9,9%) e Toscana (-9,8%). In base alla classificazione per settore produttivo il commercio si conferma al primo posto con un numero di aperture di partite Iva pari al 23% del totale, seguito dalle attivita' professionali con il 14% e dall'agricoltura con l'11%. Rispetto all'aprile 2013, tra i principali settori, gli incrementi maggiori si notano nell'agricoltura (+4,9%), nei servizi informativi (+4,4%) e nell'alloggio/ristorazione (+3,7%), mentre le flessioni piu' consistenti si osservano nelle attivita' finanziarie (-38,6%) e nell'edilizia (-9,2%).

Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso e' stabile, con i maschi che risultano intestatari del 64% di nuove partite Iva. Il 48% delle aperture e' dovuta a giovani fino a 35 anni e il 34% alla classe 36-50 anni.

Rispetto all'aprile del 2013 il maggiore calo di aperture si registra nella classe fino a 35 anni (-10,3%) mentre e' in lieve crescita quella oltre i 65 anni (+0,5%). Il 27,4% delle nuove aperture di partite Iva, pari a 12.551, in questo mese ha aderito al regime fiscale di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilita'. Il regime di vantaggio limita per cinque anni l'imposta dovuta al 5% degli utili dichiarati, esonerando i contribuenti interessati dal pagamento di Iva ed Irap. did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4