venerdì 20 gennaio | 01:13
pubblicato il 09/feb/2016 13:48

Medtronic con Bellco punta sull'eccellenza di Mirandola

Convegno Innovazione e territorio promosso a Bologna con Consenso

Medtronic con Bellco punta sull'eccellenza di Mirandola

Bologna, (askanews) - Specializzazione ai massimi livelli, formazione continua, integrazione tra università e ricerca pubblica a sostegno delle imprese, una rete di subfornitura eccellente, in un contesto in cui la sanità è un fiore all'occhiello a livello internazionale. E' per questo che alcune delle più potenti multinazionali continuano a investire nel distretto del biomedicale di Mirandola dove negli anni 60 alcune piccole imprese locali hanno cominciato a vendere all'estero prodotti monouso nel campo medico, unici al mondo. L'ultima è stata la Medtronic che ha di recente annunciato l'acquisizione di Bellco, specializzata nella dialisi. Un matrimonio importante, ha spiegato a Bologna nel convegno "Innovazione e territorio", organizzato da Consenso in collaborazione con Medtronic, Luciano Frattini, presidente e amministratore delegato di Medtronic Italia: "Ora - ha detto - Medtronic sarà presente anche nel settore della dialisi e Bellco potrà sfruttare la presenza di Medtronic in oltre 150 paesi".

"Medtronic a questo punto insieme a Bellco si può porre come partner per risolvere una delle problematiche più importanti del sistema sanitario italiano che è la sostenibilità".

Il governo punta a favorire acquisizioni di questo tipo in settori competitivi anche per l'Italia. Per la sottosegretaria all'Economia, Paola De Micheli, gli stranieri sono spinti a investire da noi soprattutto per la qualità delle risorse umane e la competenza radicata in alcuni distretti nel territorio. "Noi abbiamo in alcuni territori delle filiere d'eccellenza che si sono gestite attraverso la formazione di un tessuto diffuso di competenza che non è replicabile e non è trasportabile in altri paesi".

Dello stesso parere l'assessore alle Attività produttive della Regione Emilia Romagna, Palma Costi. "Qui è nato il distretto dei dispositivi soprattutto per la dialisi, è il primo distretto a livello nazionale e uno dei più importanti in Europa. In questi anni si sono insediate parecchie multinazionali e nonostante il sisma, qui si sono rafforzate. Ne avevamo 39 prima e oggi ne contiamo 42".

Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale