mercoledì 18 gennaio | 13:33
pubblicato il 17/set/2014 18:06

Mediobanca corre in Borsa (+2,7%) con ritorno a utile e cedola

Verso prima donna a vice presidenza, ipotesi Magistretti (ASCA) - Milano, 17 set 2014 - Positiva performance in Borsa per Mediobanca, che ha guadagnato il 2,71% a 7,01 euro nel giorno della diffusione dei risultati dell'esercizio 2013-2014.

Esercizio che vede il ritorno all'utile, per 465 milioni, e alla distribuzione del dividendo (0,15 euro per azione) dopo che l'esercizio precedente aveva registrato una perdita di 176,2 milioni e niente cedola. Per l'istituto, che a quanto si apprende da ambienti vicini alla situazione si appresta a nominare il suo primo vice presidente donna, e' il miglior risultato dall'inizio della crisi economica, dopo il picco che era stato raggiunto nel 2007-2008. Cresciuti con decisione i ricavi del gruppo, pari a oltre 1,819 miliardi (+11,7%). Il Common equity Tier1 fully phased si e' attestato al 12,5% a fine giugno 2014, rispetto al 10,9% di fine marzo scorso. Performance di tutto rispetto - considerato che la banca di piazzetta Cuccia e' tra le poche in Italia e nell'Europa continentale a non aver effettuato aumenti di capitale negli ultimi 20 anni - che rendono il top management ottimista e sereno in relazione all'Asset quality review e agli stress test della Bce. Ad un anno dall'approvazione del piano industriale al 2016, Mediobanca ha poi realizzato gia' oltre il 50% del programma di riduzione delle partecipazioni azionarie deciso per concentrarsi sul core business. Le dismissioni di quote si sono attestate a fine esercizio a 843,2 milioni di euro, con plusvalenze per 242,5 milioni. Azzerati i possessi in Gemina, Saks, Intesa Sanpaolo, e i cashes UniCredit; ridotta al 6,2% la quota in Rcs Mediagroup. La partecipazione in Telco si e' ridotta dall'11,62% al 7,34% e corrisponde in trasparenza all'1,6% di Telecom Italia . Il processo di cambiamento di pelle e di focalizzazione sul business bancario e' destinato a proseguire anche nel prossimo esercizio. L'intenzione, hanno fatto sapere fonti vicine al cda, e' di uscire del tutto sia da Rcs che da Telco-Telecom entro la fine dell'esercizio in corso, cioe' entro giugno del 2015. Sul fronte della governance, va intanto delineandosi l'identikit del futuro cda che dovra' esser nominato dall'assemblea del 28 ottobre. Da diverse fonti vicine alla situazione si e' appreso che il numero dei componenti del board dovrebbe essere fissato in 18 rispetto agli attuali 20. Tra le novita' piu' rilevanti, una delle due vice presidenze dovrebbe essere affidata a una donna, designata da UniCredit. Sul nome c'e' ancora il velo ma Elisabetta Magistretti, attualmente consigliere d'amministrazione, viene considerata la candidata naturale all'incarico. L'altro vice presidente dovrebbe essere indicato da Vincent Bollore' con il gradimento degli altri soci italiani.

A quanto si e' appreso, l'investitore bretone sarebbe orientato a proporre la conferma di Marco Tronchetti Provera.

Bos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa