domenica 19 febbraio | 17:54
pubblicato il 10/giu/2015 10:35

Mediaset, P.S.Berlusconi: con Premium passiamo all'attacco di Sky

Mai stata tregua armata, oggi cambiamo passo: vogliamo combattere

Mediaset, P.S.Berlusconi: con Premium passiamo all'attacco di Sky

Santa Margherita Ligure (GE), 10 giu. (askanews) - Con Sky non c'è mai stata una tregua armata ma oggi, con la nuova Premium, Mediaset passa a una strategia di attacco. A dirlo è il vicepresidente e Ad del gruppo, Pier Silvio Berlusconi, presentando i nuovi palinsesti della pay tv, forte dell'esclusiva ottenuta per i prossimi tre anni della Champions League.

"Con Sky ahimè non c'è mai stata una tregua armata - ha spiegato - Sky e Mediaset con Premium si sono fatti una concorrenza spietata, c'è sempre stato un livello di concorrenza con la pay tv satellitare perfino eccessivo". "C'è sempre stata quindi concorrenza con Sky - ha proseguito Pier Silvio Berlusconi - ma oggi ci sentiamo di cambiare passo, non so quanto prima fosse una strategia di difesa di sicuro questa è una strategia di attacco".

"Lanciare una sfida cosi importante in un settore dove c'è tanta concorrenza è un cambio di passo nostro - ha concluso - è una grandissima sfida in cui noi crediamo e non è per nulla scontato che la si vinca ma Mediaset ha tutta la voglia di crescere ancora, è vero il mercato italiano è piccolo però noi oggi vogliamo combattere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia