lunedì 27 febbraio | 12:36
pubblicato il 23/ago/2016 17:53

Mediaset, Fininvest chiede 570 milioni di danni a Vivendi

Depositato atto citazione per adempimento patto parasociale

Mediaset, Fininvest chiede 570 milioni di danni a Vivendi

Milano, 23 ago. (askanews) - Fininvest chiede 570 milioni di euro di danni a Vivendi. E' quanto rende noto la holding della famiglia Berlusconi, azionista di controllo di Mediaset, nell'ambito della vicenda della cessione della pay tv Premium al gruppo francese.

Fininvest - si legge - "ha depositato oggi presso il Tribunale di Milano, per la notifica, un atto di citazione al fine di ottenere che a Vivendi venga ordinato di dare pieno adempimento al patto parasociale allegato al contratto firmato con Mediaset in data 8/4/2016". Nell'atto, Fininvest chiede in ogni caso il risarcimento dei gravi danni già subiti. "Tali danni - spiega Fininvest - ammontano a una cifra non inferiore a 570 milioni, correlati fra l'altro alla diminuzione di valore delle azioni Mediaset in conseguenza dell'accaduto, al mancato apprezzamento delle stesse ove si fosse dato corso all'esecuzione del contratto, nonché all'evidentissimo danno di immagine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech