lunedì 27 febbraio | 04:04
pubblicato il 26/lug/2016 12:05

Mediaset, Fininvest attacca Vivendi: "assoluta scorrettezza"

Dopo annuncio francesi di non voler rispettare contratto Premium

Mediaset, Fininvest attacca Vivendi: "assoluta scorrettezza"

Roma, 26 lug. (askanews) - Fininvest, cui fa capo il 34,738% di Mediaset, in un comunicato "denuncia l'eccezionale gravità e l'assoluta scorrettezza del comportamento di Vivendi. L'annunciata decisione di non voler onorare un contratto valido e vincolante, regolarmente stipulato fra le parti e approvato da tutti i rispettivi organi competenti, viola i più elementari principi del diritto oltre che dell'etica economica".

La reazione giunge dopo l'annuncio di Vivendi, che non intende rispettare il contratto vincolante siglato con Mediaset per l'acquisizione di Mediaset Premium.

Nella nota Fininvest aggiuge che in questo modo "vengono infranti i capisaldi che assicurano un corretto e ordinato funzionamento del mercato. E l'atteggiamento di Vivendi lascia chiaramente intuire che il suo vero, non dichiarato obiettivo - al di là della indubbia valenza industriale dell'accordo stipulato - fosse in realtà quello di costituirsi in modo surrettizio e inaccettabile una posizione di estremo rilievo nell'azionariato di Mediaset".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech