martedì 17 gennaio | 04:40
pubblicato il 17/mag/2014 11:18

Media: Ue, le elezioni araba fenice di un servizio pubblico europeo

(ASCA) - Roma, 17 mag 2014 - I dibattiti televisivi fra i candidati alla presidenza della Commissione europea riportano d'attualita', e con maggiore forza che nel recente passato, il tema dell'esigenza d'un servizio pubblico audiovisivo e transmediale a dimensione europea. La questione e' stata sottolineata da Giacomo Mazzone, responsabile dei Rapporti istituzionali all'Eurovisione, intervenendo a un dibattito sulle elezioni europee nei media italiani. Ne da' notizia la news letter MediaDuemila in corso di distribuzione.

L'incontro organizzato da Infocivica e Cime, in partnership con EurActiv.it, presso la sede a Roma del Comitato italiano del Movimento europeo, ha messo in luce tre i dibattiti televisivi principali di questa campagna europea: uno a Maastricht, il 28 aprile, curato da EuroNews (Gardenia Trezzini, capo-redattore, in collegamento da Lione, ne ha raccontato l'impegno e l'impatto); uno a Firenze, il 9 maggio, curato da RaiNews, in coincidenza con la Festa dell'Europa; e uno a Bruxelles il 15 maggio, curato dall'Eurovisione. EurActiv.com e' l'unico media partner di tutti e tre gli eventi.

L'ultimo dibattito e' stato l'unico ad avere come protagonisti tutti i candidati. A Maastricht e Firenze, infatti, c'erano i 'campioni' del Ppe Jean-Claude Juncker, del Pse Martin Schulz, dei liberali Guy Verhofstadt e dei Verdi -rispettivamente Ska Keller e Jose' Bove'-. Mancava sempre, si dice per questioni linguistiche, Alexis Tsipras, greco, leader di Syriza, candidato della Sinistra unita euro-critica.

La campagna per la presidenza della Commissione europea, abbinata alle elezioni europee, costituisce una novita', nel panorama istituzionale europea. Anche se siamo ancora lontani anni luce, nella meticolosita' dell'organizzazione e nell'ampiezza dell'impatto di questi dibattiti presidenziali, dalla precisione e dall'eco degli analoghi dibattiti negli Stati Uniti, spesso determinanti per l'esito delle elezioni.

Si tratta, tuttavia, di un primo passo, che apre prospettive stimolanti di partecipazione e coinvolgimento delle opinioni pubbliche europee. E che puo', quindi, indurre a riprendere il discorso sul servizio pubblico europeo, intorno al quale Infocivica ha costruito un percorso di ricerca e d'approfondimento che, in autunno, durante la presidenza di turno italiana del Consiglio dell'Ue, potrebbe sfociare in una proposta.

Dei tre dibattiti presidenziali 2014, l'ultimo del 15 maggio e' stato diffuso in 25 Paesi, da 18 televisioni, 11 canali di webstreaming -fra cui EurActiv.com-, quattro radio.

A moderarlo, l'italiana Monica Maggioni, direttore di RaiNews, insieme a un giornalista irlandese; britannica la regia, della Bbc.

E che l'interesse per il confronto fra i candidati possa essere 'contagioso' lo dimostra anche il fatto che le maggiori tv tedesca e austriaca hanno diffuso un dibattito, in tedesco, fra i candidati dei due maggiori partiti europei, Juncker e Schulz; e che, nell'evento televisivo di chiusura della campagna francese, giovedi' 22, Schulz sara' la voce socialista, al posto del segretario del Ps.

Introdotto dal vice-presidente di Infocivica Pasquale De Seriis, l'incontro di martedi' scorso ha visto la partecipazione, fra gli altri, del presidente del Cime PierVirgilio Dastoli e di Anguel Beremliyski, della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, oltre che di giornalisti e di persone interessate, anche in modo fortemente critico, all'integrazione europea. S'e' discusso, in particolare, della copertura finora data dai media italiani -e non solo- della campagna elettorale, che, partita 'europea', s'e' poi rapidamente distribuita lungo percorsi nazionali, e dell'impatto, oltre che delle ragioni, della crescita dell'euro-scetticismo.

http://www.media2000.it/?p=17615> m2-ram/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello