domenica 11 dicembre | 03:17
pubblicato il 05/dic/2014 20:23

Media, Ceccherini: dovranno sempre più interpretare i fatti

Informazioni saranno sempre più una commodity

Media, Ceccherini: dovranno sempre più interpretare i fatti

Roma, (askanews) - I media del futuro, soprattutto i grandi media nazionali, dovranno essere sempre più interpreti dei fatti, anziché limitarsi a fornire le notizie. A spiegarlo ad askanews è Andrea Ceccherini, presidente dell'Osservatorio Nazionale Giovani -Editori. Lo abbiamo incontrato a margine del convegno "State of Media", un brainstorming a porte chiuse che ha riunito al Centro Studi Americani di Roma il gotha della stampa e dell'editoria americana e italiana per discutere del futuro del settore. "in un tempo in cui l'informazione arriva da ogni dove c'è più bisogno che mai di chi la selezioni" dice Cecchierini. "Io immagino media sempre più interpreti degli avvenimenti e sempre meno testimoni di fatti. Se i grandi media nazionali assolveranno a questo bisogno continueranno ad avere un ruolo, rischieranno di perderlo se penseranno che diffondere notizie resti il loro core business".

Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina