sabato 03 dicembre | 19:10
pubblicato il 12/feb/2016 11:34

Maxi-evasione fiscale Google, indagati a Milano 5 top manager

Sotto accusa anche due ex presidenti della succursale italiana

Maxi-evasione fiscale Google, indagati a Milano 5 top manager

Roma, (askanews) - Bufera su Google: cinque manager sono finiti sotto inchiesta, a Milano, per una presunta maxi evasione fiscale da 227 milioni di euro. Si tratta di due manager che, in epoche diverse, avevano rivestito la carica di presidente di Google Italia, altri due alti dirigenti che, sempre in periodi differenti, erano stati consiglieri di amministrazione tanto della succursale italiana quanto di quella irlandese del motore di ricerca californiano e l'ex legale rappresentante di Google Ireland Limited.

L'accusa ipotizzata è omessa dichiarazione dei redditi ed è relativa al quinquennio compreso tra il 2008 e il 2013. In particolare, Google Italia avrebbe dirottato nella sede di Dublino i profitti dall'attività commerciale italiana per contabilizzarli in Irlanda e beneficiare così di un trattamento fiscale più leggero. L'accusa per i 5 manager, in altre parole, è quella di aver creato una "stabile organizzazione" per sottrarre al fisco il pagamento di tasse e imposte relative a contratti pubblicitari siglati da Google con clienti italiani.

Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari