lunedì 23 gennaio | 05:54
pubblicato il 24/set/2012 19:17

Marchionne: nessuno straniero verrà in aiuto dell'auto italiana

Il numero uno del Lingotto: governo ci aiuti a rimuovere zavorre

Marchionne: nessuno straniero verrà in aiuto dell'auto italiana

Torino (askanews) - Nessun'impresa straniera è intenzionata a correre in aiuto della Fiat in Italia, lo ha detto l'amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, parlando all'assemblea dell'Unione degli industriali di Torino. La colpa, ha continuato Marchionne, è di quelle zavorre che ancorano il nostro paese al passato per rimuovere le quali il Governo dovrebbe fare la sua parte. La posizione del governo l'ha ribadita, invece, il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, collegata con Torino in videoconferenza.Quanto all'ipotesi di un ingresso in Italia della Volkswagen, Marchionne si è detto pronto ad accettare la presenza della Casa tedesca ma ha ribadito, a suo modo, che l'azienda italiana non è "terra di conquista".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4