giovedì 23 febbraio | 19:59
pubblicato il 25/giu/2015 11:59

Marchionne: Alfa Romeo è la nostra Turandot

Incompiutezza degli ultimi 30 anni gridava vendetta

Marchionne: Alfa Romeo è la nostra Turandot

Arese (askanews) - "Negli ultimi 30 anni Alfa si è portata dietro un senso di incompiutezza che gridava vendetta. Lasciarla com'era, a competere con i marchi generalisti, avrebbe voluto dire tradirne lo spirito e i valori, e tradire anche tutte le donne e gli uomini dell'Alfa che in oltre un secolo hanno plasmato la leggenda". E' quanto ha dichiarato l'Ad di Fca, Sergio Marchionne, presentando la nuova Giulia, la berlina che segna la rinascita del marchio del Biscione.

Alfa Romeo "è la nostra Turandot - ha proseguito, parlando sul palco dell'Autorium del rinnovato museo di Arese - Lo è per la sua genesi travagliata, quella di un capolavoro rimasto per diverso tempo incompiuto ma lo è soprattutto per la trasformazione eccezionale che ha preso vita in questi due anni: da principessa di ghiaccio, da progetto in perenne divenire a questo trionfo d'arte e di passione".

Gli articoli più letti
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
Peugeot
Peugeot, Tavares: con Opel creiamo un campione europeo
Generali
Generali,de Courtois: da estero e Cina 60% risultati e cresceranno
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech