sabato 21 gennaio | 12:29
pubblicato il 11/dic/2011 05:10

Manovra/ Tempi più lunghi per taglio stipendio dei parlamentari

Baretta: A farlo non può essere il governo ma le Camere

Manovra/ Tempi più lunghi per taglio stipendio dei parlamentari

Roma, 11 dic. (askanews) - Tempi più lunghi per il taglio allo stipendio dei parlamentari. La norma della manovra potrebbe essere modificata. Sul tema, ha spiegato ieri il relatore Pier Paolo Baretta, "potrebbe arrivare un emendamento del governo o di noi relatori". La manovra prevede che il governo 'recepisca' gli esiti del confronto sugli stipendi degli altri Parlamenti Ue di cui si sta occupando la commissione guidata dal presidente dell'Istat, Enrico Giovannini. Il "punto di fondo - ha sottolineato Baretta - è che non può essere il governo a 'recepire' i risultati ma deve essere il Parlamento". E il presidente della Camera Gianfranco Fini assicura: "Non è in discussione la revisione dell'indennità dei deputati. Sarà fatto appena la commissione avrà individuato parametri in sintonia con media europea" e "i tempi saranno comunque brevi". La norma che prevede che se entro fine anno la commissione guidata dal presidente dell'Istat, Enrico Giovannini (che ha l'obiettivo di comparare gli stipendi dei parlamentari italiani con quelli dei colleghi europei) non terminerà il suo lavoro sarà il governo a decidere per decreto legge, verrà quindi cambiata, secondo quanto riferisce l'esponente del Pdl, Massimo Corsaro, il quale ha precisato che alla commissione verrà dato più tempo. "Probabilmente - ha spiegato Corsaro - la commissione non ce la farà entro i termini stabiliti e quindi gli daremo qualche mese in più per decidere, comunque sarà un tempo brevissimo", ha assicurato. Corsaro ha poi ricordato, come peraltro il relatore Pier Paolo Baretta, che non può essere il governo a decidere su una materia su cui c'è l'auotonmia del Parlamento. La commissione guidata dal presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, che ha l'obiettivo di comparare gli stipendi dei parlamentari italiani a quelli dei colleghi europei, avrà più tempo per terminare il suo lavoro, ma da quel momento le Camere avranno "trenta giorni di tempo" per procedere ai tagli delle indennità, ha precisato Corsaro, il quale ha tenuto a sottolineare che l'emendamento alla manovra "non sarà un rinvio". Anzi, ha proseguito Corsaro, "noi parlamentari vogliamo dare garanzie che ci sarà l'adeguamento degli stipendi e che sarà fatto in tempi certi. La norma per come è in manovra è inapplicabile. La commissione guidata da Giovannini avrà un termine certo e il Parlamento avrà 30 giorni dall'esito dei lavori della commissione" per procedere alle riduzioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Fisco
Panama Papers, Agenzia Entrate individua primi 700 soggetti
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4