lunedì 27 febbraio | 20:14
pubblicato il 07/set/2011 15:26

Manovra/ Legnini(Pd): Carcere più soft evasori favorisce qualcuno

Chi ha fatturati più alti rischia meno

Manovra/ Legnini(Pd): Carcere più soft evasori favorisce qualcuno

Roma, 7 set. (askanews) - L'allentamento della stretta sul carcere per gli evasori riguarda i reati più gravi. Lo fa notare il senatore del Pd, Giovanni Legnini, il quale attacca il governo e ipotizza che la modifica della norma sulle manette agli evasori, contenuta nel maxiemendamento alla manovra, su cui il governo ha posto la fiducia, punterebbe a "coprire" qualche grande evasore. Il testo approvato dalla commissione Bilancio infatti prevede che per i reati fiscali scatti la sospensione condizionale della pena oltre i 3 milioni di euro di imposta evasa o non versata. Nel maxiemendamento il governo aggiunge un periodo nel quale si scopre che "per i reati più gravi, dalle fatture false all'occultamento e distruzione di documenti contabili", affinché scattino le manette serva anche che la somma di imposta evasa sia pari o superiore al 30% del volume d'affari. Basterà invece la sola condizione dei 3 milioni per reati meno gravi: "omesso versamento per ritenuta alla fonte, omesso versamento Iva e compensazione indebita", spiega Legnini. Legnini fa anche notare che inserendo la condizione legata al fatturato, per esempio, un contribuente il cui volume d'affari è di 20 milioni e ne evade 5, non essendo i 5 milioni il 30%, ma il 25%, non andrà dietro alle sbarre. Come dire che chi ha fatturati più alti rischia meno. "O si tratta di un pasticcio normativo poiché la stessa disposizione viene scritta due volte (alla parte approvata dalla commissione viene aggiunta una norma dal governo); oppure se il testo nel suo complesso corrisponde alla volontà del governo, allora vuol dire che per i reati fiscali più gravi e per gli evasori più grandi (quelli che fatturano oltre 10 milioni di euro all'anno) si stabilisce un regime penale più favorevole. Si tratta di una decisione molto grave, evidentemente finalizzata a coprire qualcuno che certamente non è un piccolo evasore", conclude Legnini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech