mercoledì 07 dicembre | 20:12
pubblicato il 14/set/2011 07:55

Manovra/ Lagarde: Direzione giusta, ora implementare misure

Direttore Fmi a La Stampa: determinazione per convincere mercati

Manovra/ Lagarde: Direzione giusta, ora implementare misure

Roma, 14 set. (askanews) - "La manovra in discussione al Parlamento italiano va nella direzione giusta. Ora però servono determinazione e implementazione delle misure, per convincere i mercati e i paesi partner". E' quanto sottolineato dal direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, in una intervista a La Stampa. Nel corso di un incontro con un gruppo ristretto di giornalisti, scrive il quotidiano torinese, il numero uno del Fmi ha lanciato un appello che ha un tono drammatico: "Chiediamo attenzione ai paesi membri, perché servono azioni collettive e coraggiose. E servono ora". "Per gli europei è arrivato il momento di mantenere l'impegno al consolidamento fiscale, che era stato preso all'atto di nascita dell'eurozona. Alcuni paesi devono fare di più, o perché sono sotto pressione da parte dei mercati, o perché si trovano in condizioni che richiedono maggior impegno. La manovra da 54 miliardi che sta discutendo il Parlamento italiano comprende varie misure e va nella direzione giusta. Come sempre in questi casi, però, - avvisa Lagarde - ora la chiave diventa la determinazione e l'implementazione delle misure. l'unico modo per convincere i mercati, e i paesi partner, della serietà delle azioni intraprese". Lagarde definisce "un'ipotesi accettabile" la possibilità avanzata dal Brasile che i paesi emergenti investano loro capitali per salvare l'Europa. "Questo interesse dei Brics è uno sviluppo interessante, ma se si limiteranno a comprare titoli giudicati sicuri da tutti, come quelli tedeschi o britannici, non si assumeranno grandi rischi. La mia speranza è che se avverranno interventi di questo genere, saranno di ampio scopo, e non limitati ai titoli sicuri di pochi stati". Il numero uno dell'istituzione di Washington torna poi sulla necessità per le banche europee di ricapitalizzare. "Gli obiettivi - dice - sono due: favorire la crescita e la ripresa dell'occupazione. Per potenziare la crescita è necessario che le banche concedano prestiti, e per concedere finanziamenti le banche devono avere bilanci solidi". E per convincere i mercati che intende davvero affrontare e risolvere la crisi l'Europa deve "essere unita. Risolvere insieme la questione del debito e rilanciare la crescita può sembrare contraddittorio, ma è possibile. Per riuscirci - ha concluso Lagarde - i governi europei devono trovare un delicato equilibrio tra le misure necessarie a favorire la crescita nel breve periodo, e quelle che servono per i consolidamenti fiscali nel medio e nel lungo periodo. La Banca centrale europea e l'Fmi sono pronti a fare la loro parte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni