lunedì 16 gennaio | 16:24
pubblicato il 14/set/2011 07:55

Manovra/ Lagarde: Direzione giusta, ora implementare misure

Direttore Fmi a La Stampa: determinazione per convincere mercati

Manovra/ Lagarde: Direzione giusta, ora implementare misure

Roma, 14 set. (askanews) - "La manovra in discussione al Parlamento italiano va nella direzione giusta. Ora però servono determinazione e implementazione delle misure, per convincere i mercati e i paesi partner". E' quanto sottolineato dal direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, in una intervista a La Stampa. Nel corso di un incontro con un gruppo ristretto di giornalisti, scrive il quotidiano torinese, il numero uno del Fmi ha lanciato un appello che ha un tono drammatico: "Chiediamo attenzione ai paesi membri, perché servono azioni collettive e coraggiose. E servono ora". "Per gli europei è arrivato il momento di mantenere l'impegno al consolidamento fiscale, che era stato preso all'atto di nascita dell'eurozona. Alcuni paesi devono fare di più, o perché sono sotto pressione da parte dei mercati, o perché si trovano in condizioni che richiedono maggior impegno. La manovra da 54 miliardi che sta discutendo il Parlamento italiano comprende varie misure e va nella direzione giusta. Come sempre in questi casi, però, - avvisa Lagarde - ora la chiave diventa la determinazione e l'implementazione delle misure. l'unico modo per convincere i mercati, e i paesi partner, della serietà delle azioni intraprese". Lagarde definisce "un'ipotesi accettabile" la possibilità avanzata dal Brasile che i paesi emergenti investano loro capitali per salvare l'Europa. "Questo interesse dei Brics è uno sviluppo interessante, ma se si limiteranno a comprare titoli giudicati sicuri da tutti, come quelli tedeschi o britannici, non si assumeranno grandi rischi. La mia speranza è che se avverranno interventi di questo genere, saranno di ampio scopo, e non limitati ai titoli sicuri di pochi stati". Il numero uno dell'istituzione di Washington torna poi sulla necessità per le banche europee di ricapitalizzare. "Gli obiettivi - dice - sono due: favorire la crescita e la ripresa dell'occupazione. Per potenziare la crescita è necessario che le banche concedano prestiti, e per concedere finanziamenti le banche devono avere bilanci solidi". E per convincere i mercati che intende davvero affrontare e risolvere la crisi l'Europa deve "essere unita. Risolvere insieme la questione del debito e rilanciare la crescita può sembrare contraddittorio, ma è possibile. Per riuscirci - ha concluso Lagarde - i governi europei devono trovare un delicato equilibrio tra le misure necessarie a favorire la crescita nel breve periodo, e quelle che servono per i consolidamenti fiscali nel medio e nel lungo periodo. La Banca centrale europea e l'Fmi sono pronti a fare la loro parte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow