domenica 22 gennaio | 11:26
pubblicato il 30/giu/2011 19:34

Manovra/ Errani: Scelte gravi, a rischio tenuta servizi pubblici

"Governo sceglie di procedere unilateralmente"

Manovra/ Errani: Scelte gravi, a rischio tenuta servizi pubblici

Milano, 30 giu. (askanews) - "La manovra che il Governo si appresta a varare fa scelte gravi che possono porre a rischio servizi pubblici fondamentali in settori come il trasporto pubblico locale e la sanità. La conferenza delle Regioni ha fatto oggi una prima disamina dei problemi sul tappeto ed abbiamo registrato motivi di forte preoccupazione". Lo ha detto il presidente Vasco Errani commentando i lavori odierni della conferenza delle Regioni. "Avevamo chiesto al Governo - ha proseguito Errani - un confronto preventivo sulle scelte di politica economica che impattano sui territori, come prevede del resto la Legge di contabilità pubblica. Così non è stato, il Governo sceglie di procedere unilateralmente e l'incontro con le Regioni avverrà solo la prossima settimana. Intendiamo sederci attorno al tavolo per concertare davvero le scelte necessarie per il Paese. Per questo obiettivo serve, però, responsabilità da parte di tutti i livelli della Repubblica, nessuno escluso. Occorre superare la logica dei tagli lineari che stanno soffocando i trasporti pubblici locali, il servizio sanitario, la scuola, la formazione ed il welfare. Servono misure per incentivare lo sviluppo e la crescita, snellimenti procedurali veri, ma soprattutto serve la volontà reale di dar vita ad una leale collaborazione istituzionale". "Se quanto abbiamo letto in questi giorni sui giornali dovesse corrispondere al vero - ha aggiunto Errani - e se i tagli dovessero davvero essere della entità prospettata, ho l'impressione che si stia di fatto togliendo ogni prospettiva di reale applicazione al federalismo fiscale avviato con la legge 42 del 2009". "Quanto poi alla ventilata ipotesi di reintrodurre ticket sanitari - ha concluso il presidente della conferenza delle Regioni - abbiamo manifestato la nostra contrarietà e già in passato abbiamo dato dimostrazione che i ticket non producono un contenimento della spesa sanitaria, ma comportano esclusivamente lo spostamento della stessa verso la sanità privata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4