venerdì 02 dicembre | 19:20
pubblicato il 13/ago/2011 15:48

Manovra domani in vigore, Tremonti: abbiamo agito per bene Paese

Obiettivo: pareggio bilancio 2013. "Saggio non chiedere fiducia"

Manovra domani in vigore, Tremonti: abbiamo agito per bene Paese

Roma, 13 ago. (askanews) - Saranno anni di sacrifici pesanti per gli italiani ma per il governo sono necessari per superare la crisi e portare il Paese fuori dalla tempesta finanziaria. Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, nella conferenza stampa sulla manovra bis ha difeso le scelte compiute dall'esecutivo e, alla fine, ha voluto sottolineare di "aver fatto tutto in coscienza, per il bene del Paese". Anche per questo il consiglio dei ministri non ha chiesto la fiducia, ritenendo il provvedimento "talmente serio e impegnativo da impegnare la classe politica su obiettivi d'interesse generale per il Paese: pensiamo sia una scelta saggia". E da domani, vista l'urgenza degli interventi in una fase ancora delicata per i mercati internazionali, le norme saranno già in vigore, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale subito dopo il vaglio del Quirinale. Scelte difficili che - come ha detto il premier Silvio Berlusconi - fanno "grondare il cuore di sangue", ma necessarie e prese in accelerazione anche per essere con le carte in regola in vista del summit tra Francia e Germania martedì 16. "Ho l'impressione - ha detto Tremonti - che ci sia molta attesa per il vertice franco-tedesco della prossima settimana". Tuttavia, ha ammonito, "la crisi non riguarda solo il nostro paese, riguarda una quota enorme del Pil dell'Europa e può riguardare anche altri paesi europei. Molto dipenderà dalle scelte che saranno fatte in Europa". E certo, secondo il ministro, "non saremmo arrivati a oggi se ci fossero in Europa gli Eurobond". La manovra di Ferragosto, secondo il titolare dell'Economia, si basa su tre pilastri: finanza pubblica, costi della politica e della burocrazia, lavoro e sviluppo. Per i conti pubblici c'è l'obiettivo del pareggio di bilancio al 2013, portando il deficit dal 3,9% di quest'anno (ma potrebbe essere "migliore del previsto") all'1,4% l'anno prossimo, e poi a zero nel successivo. Sui costi della politica le misure sono drastiche: le poltrone degli amministratori regionali, provinciali e comunali - ha detto il ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli - scenderanno a quota 53mila, mentre all'inizio della legislatura erano 140mila. Sono aboliti gli enti con meno di 70 dipendenti, i componenti del Cnel si riducono da 121 a 70, e per i parlamentari il contributo di solidarietà sarà doppio. Cancellato il Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti. Per favorire la crescita arrivano liberalizzazioni e misure per migliorare la produttività del lavoro. Nelle professioni - ha spiegato il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi - sarà possibile abolire le tariffe minime, mentre per i contratti è prevista la validità erga omnes degli accordi aziendali, che derogano a quelli nazionali sul modello delle intese per gli stabilimenti Fiat di Pomigliano e Mirafiori. L'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori però, ha rassicurato Sacconi, "non è stato toccato". Ancora allo studio, invece, il piano di privatizzazioni dello Stato, anche se "il grosso" è rappresentato dalle società degli enti pubblici locali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari