domenica 04 dicembre | 09:34
pubblicato il 28/giu/2011 15:41

Manovra/ Da gennaio donne in pensione a 62 anni, 65 anni in 2020

Sacconi smentisce: Ipotesi infondate

Manovra/ Da gennaio donne in pensione a 62 anni, 65 anni in 2020

Roma, 28 giu. (askanews) - Scatta l'aumento graduale dell'età di pensionamento delle donne sia pubbliche che del settore privato fino a arrivare a 65 anni nel 2020. E' quanto prevede la bozza della manovra economica del governo. Ipotesi smentite dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, che le ha giudicate "infondate". A partire dal 2012 il requisito anagrafico di sessanta anni viene aumentato di un anno e le lavoratrici potranno lasciare il lavoro a 62 anni. Tali requisiti anagrafici sono ulteriormente incrementati di un anno, a partire dal primo gennaio 2014, e poi un anno ogni biennio fino ad arrivare a 65 anni nel 2020. Le donne che hanno maturato entro il 31 dicembre 2011 i requisiti d'età e di anzianità contributiva previsti dalle norme vigenti avranno il diritto ad andare in pensione secondo le vecchie regole.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari