lunedì 05 dicembre | 03:31
pubblicato il 01/set/2011 12:24

Manovra/ Cgil: Imprese abbandonate, 225mila lavoratori a rischio

"Il 6 settembre si sciopera anche per loro"

Manovra/ Cgil: Imprese abbandonate, 225mila lavoratori a rischio

Roma, 1 set. (askanews) - "Il Governo si ostina a non voler affrontare e risolvere i problemi legati alla crescita, all'occupazione, alla produttività e allo sviluppo del nostro paese e a non trovare soluzioni per le decine di crisi industriali ancora aperte, come risulta evidente per esempio dal caso Irisbus-Fiat. L'impianto della manovra continua a essere la dimostrazione dell'assenza totale di una vera politica industriale". E' questo il giudizio di Vincenzo Scudiere, segretario confederale della Cgil, a pochi giorni dallo sciopero generale proclamato per martedì 6 settembre, contro una manovra "depressiva e recessiva, priva di misure utili alla risoluzione delle tante crisi industriali ancora aperte nel nostro Paese, alle quali è legato il futuro occupazionale di migliaia di lavoratori". In particolare, la Cgil punta il dito contro una manovra che "riduce gli investimenti, anche strategici come quelli infrastrutturali e della ricerca, privatizza i servizi pubblici senza criterio né efficienza e promuove la competizione sui costi, attacca la Costituzione, i diritti dei lavoratori, l'autonomia delle parti sociali e i Contratti nazionali". Un provvedimento quindi che, secondo la Cgil, andrebbe ad alimentare esclusivamente: disoccupazione e precarietà, rendendo ancor più critica ed incerta la situazione occupazionale di circa 225mila persone il cui futuro lavorativo ancora attende l'esito dei 187 tavoli di crisi aperti presso il Ministero dello Sviluppo economico. Inoltre, secondo le elaborazioni dell'osservatorio Cig della Cgil, sono al momento ancora 500mila i lavoratori in cassa integrazione e 380mila di questi sono in straordinaria e in deroga. Allarmanti, per la Cgil, le situazioni di crisi che continuano a colpire i macro settori produttivi, come le numerose vertenze legate alla chimica, all'Itc (Information and communications technology), ma anche al settore farmaceutico, nvalmeccanico, degli elettrodomestici, della ceramica, del mobile imbottito e dei trasporti. La Cgil fa appello quindi alle forze sociali, economiche, politiche e ai cittadini per sostenere un'altra manovra che sappia rilanciare la crescita economica e l'occupazione. La Cgil propone nella sua contromanovra: l'istituzione di un fondo per la crescita e l'innovazione, che possa favorire innanzitutto un Piano energetico nazionale e politiche di green economy, politiche di innovazione e sviluppo locale, aumentare la spesa in ricerca e sviluppo, e favorire politiche industriali per il Mezzogiorno. Inoltre, propone la riduzione strutturale del prelievo fiscale sui redditi da lavoro e da pensione e un piano per l'occupazione basato su un incentivo diretto di natura straordinaria per l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari