mercoledì 18 gennaio | 00:59
pubblicato il 23/lug/2011 13:13

Manovra/ Cgia: Stangata da 15 mld per Regioni ed enti locali

In molte città tariffe più alte acqua-rifiuti-trasporti-sociale

Manovra/ Cgia: Stangata da 15 mld per Regioni ed enti locali

Roma, 23 lug. (askanews) - In arrivo una stangata da 15 miliardi di euro per le Regioni e gli enti locali. A denunciarlo la Cgia di Mestre che ha sommato i tagli previsti dalla manovra correttiva del 2010 (8,5 miliardi) a quelli contenuti nella manovra approvata la settimana scorsa (6,4 miliardi). A regime, nel 2014, scuola, trasporti, salvaguardia del territorio e sociale subiranno i tagli maggiori. Una situazione che costringerà, secondo la Cgia, Regioni ed enti locali a aumentare le tasse "per far quadrare i loro magri bilanci". Anzi, in molte città, sono "già" rincarate le tariffe dell'acqua, dei rifiuti, dei trasporti, le mense scolastiche e le rette delle case di riposo. Secondo i calcoli degli artigiani di Mestre, i Comuni dovranno rinunciare a 4,5 miliardi di euro, pari al 6,7% della spesa complessiva. E ipotizzando dei tagli lineari, le principali funzioni di spesa interessate da queste misure saranno: i servizi generali per 1,36 miliardi di euro; il territorio e l'ambiente per 891 milioni di euro; la viabilità ed i trasporti per 615 milioni di euro; l'assistenza sociale per 602 milioni di euro; l'istruzione per 429 milioni di euro. Quanto alle Province, la riduzione dei trasferimenti ammonterà a 1,3 miliardi di euro, pari al 10,9% della spesa complessiva in capo. A soffrire saranno soprattutto i servizi generali per un importo di 339 milioni di euro; il territorio per 276 milioni di euro; l'istruzione per 242 milioni di euro; i trasporti per 153 milioni di euro; lo sviluppo economico per 117 milioni di euro. Ancora più pesante il contributo chiesto alle Regioni. Per quelle ordinarie si stimano nel 2014 tagli complessivi per 6,1 miliardi di euro, pari al 17% della spesa complessiva in capo alle Regioni ordinarie (peseranno sui servizi generali per un importo di 1,03 miliardi di euro; sul trasporto su strada per 783 milioni di euro; sul trasporto ferroviario per 533 milioni di euro; sull'assistenza sociale per 504 milioni di euro; su orientamento e formazione professionale per 372 milioni di euro; su industria ed energia per 337 milioni di euro; su opere pubbliche per 272 milioni di euro e su agricoltura e zootecnia per 258 milioni di euro). (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa