venerdì 02 dicembre | 19:59
pubblicato il 10/set/2011 12:14

Manovra/ Cgia: Spesa boom delle Regioni, in 10 anni +75%

Nelle realtà a Statuto speciale l'aumento è stato dell'89%

Manovra/ Cgia: Spesa boom delle Regioni, in 10 anni +75%

Milano, 10 set. (askanews) - In dieci anni la spesa delle Regioni è cresciuta in media del 75% e nelle realtà a Statuto speciale l'aumento è stato addirittura dell'89%, in gran parte garantito dallo sforzo fiscale fatto dai contribuenti delle realtà a Statuto ordinario. Lo sottolinea un rapporto della Cgia di Mestre. A livello nazionale, l'incremento in termini assoluti è stata di 89,6 miliardi di euro (le uscite sono passate da 119,3 a 209 mld), oltre la metà(45,9 mld) è riconducibile alla spesa sanitaria. A livello regionale, il maggior aumento di spesa si è registrato in Umbria (+143,7%), in Emilia Romagna (+140,3%) e in Sicilia (+125,7%). Seguono la Basilicata (+115,2%), il Piemonte (+91,8%) e la Toscana (+84,6%). La Provincia Autonoma di Trento (+43,2%), il Veneto (+40,9%) e la Campania (+40,3%) sono state, invece, le tre realtà territoriali più parsimoniose. L'inflazione, tra il 2000 e il 2009, rileva la Cgia Mestre, ha registrato un aumento più modesto, +22,1%. In termini di spesa pro capite, invece, spetta alla Valle d'Aosta il primato delle uscite riferite al 2009 (13.182 euro), sul secondo gradino del podio troviamo la Provincia di Bolzano (10.013 euro) e sul terzo quella di Trento (8.465 euro). "Intendiamoci - sottolinea Giuseppe Bortolussi, segretario dell'associazione artigiani e piccole imprese di Mestre - maggior spesa non sempre è sinonimo di spreco o di una cattiva gestione della finanza pubblica. Chi, soprattutto al Centronord, ha investito in questi ultimi 10 anni in maniera importante sulla sanità, sui trasporti e sull'assistenza sociale, oggi può contare su livelli di qualità e di quantità dei servizi offerti ai propri cittadini che sono tra i migliori d'Europa. L'aumento delle spese regionali è dovuto, inoltre, anche all'attribuzione in capo alle Regioni di nuovi poteri su tematiche quali l'industria, il commercio, le politiche del lavoro, il turismo. Detto questo, non possiamo nascondere che alcune Regioni, tipo quelle a Statuto Speciale, presentano livelli di spesa che solo in parte sono coperte dalle entrate proprie. Ciò vuol dire che la specificità di alcuni territori è stata in gran parte garantita dallo sforzo fiscale fatto dai contribuenti delle realtà a Statuto ordinario. Un meccanismo, quest'ultimo, che andrebbe eliminato per ripristinare il principio di equità ed uguaglianza tra tutti i territori regionali". Considerando le singole funzioni di spesa, la voce che ha subito l'incremento più sostenuto è stata quella dell'assistenza sociale (+185,8%). Per l'istruzione/formazione l'aumento è stato dell'86,9%, per la sanità del 74,3%. In termini assoluti, oltre la metà dell'aumento della spesa totale è attribuibile alla sanità:su un aumento di spesa complessivo pari a 89,6 miliardi di euro, 45,9 mld sono in capo alla sanità.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari