mercoledì 07 dicembre | 21:31
pubblicato il 17/dic/2011 10:36

Manovra/ Camusso:Senza equità squilibrata su famiglie e lavoro

Mancano misure anti-recessione per perdita potere d'acquisto

Manovra/ Camusso:Senza equità squilibrata su famiglie e lavoro

Padova, 17 dic. (askanews) - Alla manovra del governo Monti mancano i "tratti di equità" che avrebbe dovuto avere e serve una correzione per gli effetti recessivi che potranno pesare sul potere d'acquisto degli italiani. Il provvedimento si scarica sulla tassazione del lavoro dipendente, pensioni e famiglie. E'questo il giudizio espresso dalla segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso a margine di un incontro 'Prima il lavoro' promosso dalla Cgil al teatro Ruzante di Padova. "Il nostro giudizio continua ad essere quello di una manovra che non ha i tratti di equità - ha spiegato Camusso - che avrebbe dovuto avere e che comunque bisogna provare ad ottenere". "Continua ad essere una manovra profondamente squilibrata - ha aggiunto la numero uno della Cgil - sulla tassazione del lavoro dipendente, delle pensioni e delle famiglie. Questo è un tratto che va corretto anche per gli effetti recessivi che avrà sul paese in termini di potere d'acquisto, in termini anche di contrasto alla progressiva riduzione dell'apparato produttivo". Camusso si è poi soffermata sui recenti dati negativi della produzione industriale. "Non bisogna dimenticare che i dati sulla produzione industriale degli ultimi mesi sono in totale calo. Le previsioni sull'occupazione sono pessime. Da questo punto di vista - ha proseguito - gli effetti anti-recessivi che erano necessari non ci sono". Nell'opinione del segretario generale la Cgil esprime diffidenza sul fatto che "ci sia una fase prima e una fase seconda, perché la sensazione è che la seconda non arrivi mai. E' evidente che adesso tutti gli sforzi vanno fatti per correggere le cose più inique della manovra e per avviare una fase di crescita". Per Cgil, la Confindustria è "favorevole" al decreto salva-Italia."Abbiamo visto un atteggiamento di Confindustria molto favorevole alla manovra. Per un verso comprensibile - ha continuato Camusso - perché sono gli unici che hanno risorse fresche dalla manovra. Ma credo che ci sia da parte loro una grande sottovalutazione degli effetti che invece avrà la manovra sui consumi e sulle prospettive di crescita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni