venerdì 20 gennaio | 21:05
pubblicato il 09/set/2011 15:09

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Nel mirino art. 8, contributo per statali e tassa rimesse

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Roma, 9 set. (askanews) - "Non ci fermeremo neppure dopo l'approvazione della manovra. E non ci fermeremo alla mobilitazione di piazza. Stiamo già preparando con i nostri consulenti legali i ricorsi sui singoli punti della manovra, a cominciare dal contributo di solidarietà solo per i pubblici dipendenti". Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in uno dei passaggi della sua relazione al comitato direttivo convocato dopo lo sciopero generale e alla vigilia del voto finale della manovra in Parlamento. Sono molti i punti della manovra, secondo Camusso, "che rischiano l'eccezione di incostituzionalità". Tra quelli indicati oggi dalla numero uno di corso Italia, c'è il contribuito di solidarietà che è stato introdotto solo per i pubblici dipendenti. "Una norma che introduce una doppia discriminazione. Il nostro compito è perciò anche quello di difendere le professionalità pubbliche che si vogliono colpire. Vogliamo portare questa norma alla Corte Costituzionale". Un altro ricorso legale sarà quello relativo alle norme sul money transfer, alla cosiddetta 'tassa sulle rimesse', ovvero il trasferimento monetario all'estero che è stato modificato dalla manovra in modo peggiorativo verso i lavoratori immigrati che hanno bisogno di mandare i soldi alle proprie famiglie. "Una norma ispirata evidentemente dalla Lega - ha spiegato il numero uno della Cgil - che ha come obiettivo proprio i lavoratori immigrati presenti nel nostro Paese. E ancora una volta si cerca una strada per colpire irregolarità imposte dai datori di lavoro". Un altro punto di attacco della leader sindacale è stato quello relativo all'articolo 9 della manovra che prevede "la reintroduzione di veri e propri ghetti per le persone disabili e che in generale reintroduce nel nostro Paese discriminazioni profonde e incivili tra lavoratori 'normali' e lavoratori disabili". Infine, sempre tra i capitoli dei ricorsi giudiziari contro la manovra dopo la sua approvazione c'è la battaglia più calda in questo momento: quella contro l'articolo 8 della manovra. "La Cgil chiede la cancellazione della norma dalla manovra" ha ribadito Camusso nel sottolineare che, nel caso dovesse essere confermata, "si aprirà la strada ai ricorsi giudiziari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4