martedì 28 febbraio | 05:12
pubblicato il 09/set/2011 15:09

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Nel mirino art. 8, contributo per statali e tassa rimesse

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Roma, 9 set. (askanews) - "Non ci fermeremo neppure dopo l'approvazione della manovra. E non ci fermeremo alla mobilitazione di piazza. Stiamo già preparando con i nostri consulenti legali i ricorsi sui singoli punti della manovra, a cominciare dal contributo di solidarietà solo per i pubblici dipendenti". Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in uno dei passaggi della sua relazione al comitato direttivo convocato dopo lo sciopero generale e alla vigilia del voto finale della manovra in Parlamento. Sono molti i punti della manovra, secondo Camusso, "che rischiano l'eccezione di incostituzionalità". Tra quelli indicati oggi dalla numero uno di corso Italia, c'è il contribuito di solidarietà che è stato introdotto solo per i pubblici dipendenti. "Una norma che introduce una doppia discriminazione. Il nostro compito è perciò anche quello di difendere le professionalità pubbliche che si vogliono colpire. Vogliamo portare questa norma alla Corte Costituzionale". Un altro ricorso legale sarà quello relativo alle norme sul money transfer, alla cosiddetta 'tassa sulle rimesse', ovvero il trasferimento monetario all'estero che è stato modificato dalla manovra in modo peggiorativo verso i lavoratori immigrati che hanno bisogno di mandare i soldi alle proprie famiglie. "Una norma ispirata evidentemente dalla Lega - ha spiegato il numero uno della Cgil - che ha come obiettivo proprio i lavoratori immigrati presenti nel nostro Paese. E ancora una volta si cerca una strada per colpire irregolarità imposte dai datori di lavoro". Un altro punto di attacco della leader sindacale è stato quello relativo all'articolo 9 della manovra che prevede "la reintroduzione di veri e propri ghetti per le persone disabili e che in generale reintroduce nel nostro Paese discriminazioni profonde e incivili tra lavoratori 'normali' e lavoratori disabili". Infine, sempre tra i capitoli dei ricorsi giudiziari contro la manovra dopo la sua approvazione c'è la battaglia più calda in questo momento: quella contro l'articolo 8 della manovra. "La Cgil chiede la cancellazione della norma dalla manovra" ha ribadito Camusso nel sottolineare che, nel caso dovesse essere confermata, "si aprirà la strada ai ricorsi giudiziari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech