domenica 11 dicembre | 01:32
pubblicato il 09/set/2011 15:09

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Nel mirino art. 8, contributo per statali e tassa rimesse

Manovra/ Camusso: Non ci fermeremo, ora ricorso a Consulta

Roma, 9 set. (askanews) - "Non ci fermeremo neppure dopo l'approvazione della manovra. E non ci fermeremo alla mobilitazione di piazza. Stiamo già preparando con i nostri consulenti legali i ricorsi sui singoli punti della manovra, a cominciare dal contributo di solidarietà solo per i pubblici dipendenti". Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in uno dei passaggi della sua relazione al comitato direttivo convocato dopo lo sciopero generale e alla vigilia del voto finale della manovra in Parlamento. Sono molti i punti della manovra, secondo Camusso, "che rischiano l'eccezione di incostituzionalità". Tra quelli indicati oggi dalla numero uno di corso Italia, c'è il contribuito di solidarietà che è stato introdotto solo per i pubblici dipendenti. "Una norma che introduce una doppia discriminazione. Il nostro compito è perciò anche quello di difendere le professionalità pubbliche che si vogliono colpire. Vogliamo portare questa norma alla Corte Costituzionale". Un altro ricorso legale sarà quello relativo alle norme sul money transfer, alla cosiddetta 'tassa sulle rimesse', ovvero il trasferimento monetario all'estero che è stato modificato dalla manovra in modo peggiorativo verso i lavoratori immigrati che hanno bisogno di mandare i soldi alle proprie famiglie. "Una norma ispirata evidentemente dalla Lega - ha spiegato il numero uno della Cgil - che ha come obiettivo proprio i lavoratori immigrati presenti nel nostro Paese. E ancora una volta si cerca una strada per colpire irregolarità imposte dai datori di lavoro". Un altro punto di attacco della leader sindacale è stato quello relativo all'articolo 9 della manovra che prevede "la reintroduzione di veri e propri ghetti per le persone disabili e che in generale reintroduce nel nostro Paese discriminazioni profonde e incivili tra lavoratori 'normali' e lavoratori disabili". Infine, sempre tra i capitoli dei ricorsi giudiziari contro la manovra dopo la sua approvazione c'è la battaglia più calda in questo momento: quella contro l'articolo 8 della manovra. "La Cgil chiede la cancellazione della norma dalla manovra" ha ribadito Camusso nel sottolineare che, nel caso dovesse essere confermata, "si aprirà la strada ai ricorsi giudiziari.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina