venerdì 20 gennaio | 11:05
pubblicato il 02/dic/2013 12:00

Manifatturiero Italia torna ad assumere: prima volta in 2 anni

Indice Pmi: a novembre si inverte tendenza durava da agosto 2011

Manifatturiero Italia torna ad assumere: prima volta in 2 anni

Roma, 2 dic. (askanews) - Migliora leggermente più del previsto a novembre l'attività delle industrie manifatturiere nell'area euro e in Italia risale ai massimi da 30 mesi a questa parte, secondo le indagini condotte presso i responsabili degli approvvigionamenti. E per la prima volta da oltre due anni le aziende della penisola sono tornate ad assumere, invertendo una tendenza di tagli occupazionali che si trascinava dall'agosto del 2011, secondo l'inchiesta condotta dalla società di ricerche Markit Economics. Il Purchasing managers' index (Pmi) relativo al manifatturiero italiano si è attestato a 51,4 punti, dai 50,7 di ottobre. In questa indagine i 50 punti sono il limite tra crescita e recessione. Secondo Markit lo stesso aumento occupazionale ha influito sui progressi dell'indice, così come la forte contrazione dei tempi medi di consegna e lo smaltimento più lento delle giacenze. Sempre in Italia si è visto un forte aumento della produzione, sostenuta dagli ordini, specialmente dall'estero, ha mostrato il sesto mese consecutivo di espansione, anche se leggermente più lento che ad ottobre. All'insegna della cautela, però, le letture dei dati da parte di Phil Smith, economista di Markit: "hanno mostrato l'ennesima crescita, sebbene non particolarmente marcata. Crescono notevolmente i livelli di produzione ma la tendenza dei nuovi ordini rimane debole crescita a causa della scarsa domanda nazionale. Solo il tanto atteso ritorno alla crescita dei livelli occupazionali potrebbe essere la soluzione alla debole domanda interna". Per l'insieme delle imprese manifatturiere di tutta l'area euro intanto l'indice Pmi ha segnato di 51,6 punti, a fronte di 51,3 a ottobre e dei 51,5 indicati nella stima preliminare. Si profila, secondo Markit, la miglior performance trimestrale dal secondo trimestre del 2011. Aumentano produzione, nuovi ordini e esportazioni. Ma questo non è bastato a investire la tendenza a tagli dei livelli occupazionali, proseguiti per il ventiduesimo mese consecutivo guardando all'insieme dell'area euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale