sabato 10 dicembre | 07:53
pubblicato il 03/mag/2014 12:59

Maltempo: Coldiretti, milioni di danni per campagne sott'acqua (2)

Maltempo: Coldiretti, milioni di danni per campagne sott'acqua (2)

(ASCA) - Roma, 3 mag 2014 - In Veneto, i terreni inzuppati non riescono ad assorbire la quantita' d'acqua caduta in abbondanza e secondo la. Coldiretti la situazione e' critica nella bassa padovana dove i campi si presentano come una vasta ed estesa pozza uniforme. Ad aggravare la situazione della provincia di Padova anche le grandinate che hanno colpito i comuni di Montegrotto, Due Carrare e Monselice. A Piove di Sacco fulmini e saette hanno centrato case isolando dalla corrente per ore ed ore numerose abitazioni. ''Sono migliaia gli ettari allagati: campi di mais, frumento e soia ma anche orti, serre, frutteti e vigneti - evidenzia Coldiretti che ricorda inoltre la presenza in zona di allevamenti con molti animali in pericolo come polli e tacchini. Nella vicina provincia di Rovigo arrivano segnalazioni di coltivazioni affogate mentre il tempo non da' tregua. ''Per giorni sara' impossibile eseguire qualsiasi lavoro, il nostro obiettivo e' salvare il raccolto e ripulire dal fango gli annessi rustici - dicono gli agricoltori di Coldiretti impegnati con pompe ed idrovore a limitare i danni al settore primario, gia' messo alla prova varie volte e che continua a registrare, a causa delle avversita' atmosferiche, gravi ripercussioni sul reddito delle imprese.

In Emilia Romagna ''non e' piu' possibile attendere: e' necessario un provvedimento fiscale di favore che tenga conto delle difficolta' in cui versa il nostro territorio dopo l'ennesima calamita' che si e' abbattuta sulla bassa modenese''. E' quanto afferma il Presidente di Coldiretti Modena, Francesco Vincenzi, nel sottolineare che ''la gente e' ormai allo stremo: in meno di due anni si sono susseguiti il terremoto, una tromba d'aria, l'alluvione e ora di nuovo tornado e grandine. Ogni volta che pian piano si tenta di rialzarsi ecco che arriva un nuovo disastro e tocca di ripartire da capo. I nostri imprenditori sono di tempra resistente ma senza un aiuto delle Istituzioni rischiamo davvero che tutto venga vanificato. Per questo - ribadisce il presidente della Coldiretti modenese - chiediamo che al piu' presto vengano avviate le procedure per verificare se esistono le condizioni per la dichiarazione dello stato di calamita' nei territori colpiti e che si studi un trattamento fiscale di favore che non puo' essere altro che un'esenzione totale dalle tasse.'' La zona colpita e' caratterizzata da un'agricoltura di pregio, culla del Lambrusco di Sorbara e della Pera dell'Emilia Romagna IGP oltre che di produzioni orticole di pregio. La grandine ha danneggiato i vigneti con perdite che, nella zona di Soliera e di Bastiglia, arrivano al 100% del prodotto; i pereti hanno subito danni ai rami ai frutticini mentre le ciliegie, in avanzato stadio di maturazione causa l'andamento anomalo della stagione, sono state colpite riportando lesioni che non verranno riassorbite ma, al contrario, aumenteranno con la crescita del frutto stesso andando ad inficiare la qualita' del prodotto. Danni si registrano anche alle coltivazioni erbacee quali frumento, pomodoro e orticole che in alcune zone sono stati completamente annientati.'' La grandine - sottolinea la Coldiretti - non ha risparmiato neanche le strutture provvisorie approntate in sostituzione dei capannoni distrutti dal sisma, come nell'azienda Tosatti di Nonantola dove le tensostrutture in plastica utilizzate per il ricovero attrezzi sono ormai ridotte ad un colabrodo. A questo di aggiungono i danni di tromba d'aria e forte vento che hanno scoperchiato i capannoni, danneggiati i tetti delle abitazioni e delle strutture, divelto frutteti. Maltempo e danni non hanno risparmiando neppure la provincia Ferrara dove i temporali hanno scaricato vere e proprie ''bombe d'acqua'' sui campi coltivati, con piogge intensissime che hanno impattato sulle colture ed in breve alzato il livello dei canali di scolo, in queste ore osservati speciali, che hanno il difficile compito di liberare i campi dall'acqua.

Campi che, nel copparese e nella zona di Tresigallo e Migliarino sono sommersi da diversi centimetri d'acqua, mentre nell'argentano sono segnalate forti piogge (70 mm in pochi minuti) accompagnate da violente grandinate che hanno imbiancato campi e strade, con danni ingenti alle colture erbacee e orticole, alcune gia' con frutti prossimi alla raccolta grazie alle temperature piu' elevate della norma delle scorse settimane. Anche le reti antigrandine negli impianti frutticoli si sono riempite ed in qualche caso rotte sotto il peso dei chicchi di ghiaccio, mentre gli impianti arborei non protetti hanno subito danno ai frutticini in formazione o in maturazione (come nel caso di albicocche e ciliegie). La grandine non ha risparmiato l'area compresa tra Tresigallo, parte di Formignana, Jolanda, Migliarino per poi spostarsi a Filo d'Argenta. Dal copparese (Coccanile, Gradizza) giungono anche notizie relative a chiusura di strade rese impraticabili per l'eccesso di piogge non assorbite dai terreni, gia' umidi per le piogge dei giorni scorsi, e neppure dai fossi e dai canali, ben presto insufficienti a contenere precipitazioni tanto intense e violente. Coldiretti invita gli agricoltori interessati a contattare al piu' presto la propria compagnia assicuratrice o il Consorzio di Difesa per segnalare il danno presunto, ricordando che da quest'anno non e' piu' operativa la norma di legge che prevedeva interventi compensativi al reddito tramite il fondo di solidarieta' nazionale, rimanendo solo l'assicurazione lo strumento per ristorare gli eventuali danni calamitosi. La pazza primavera, con l'ondata di maltempo accompagnata da grandine a macchia di leopardo all'inizio del lungo week end ha colpito la provincia di Ravenna con grandine, molto intensa, che e' caduta nelle campagne di Bagnacavallo, Traversara, Villanova, Masiera, Fusignano, Conselice. A farne le spese sono state soprattutto coltivazioni di albicocche, nettarine, susine, meli e peri colpite dai chicchi proprio nella delicata fase di accrescimento dei frutticini.

red/cam (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina