domenica 11 dicembre | 13:15
pubblicato il 26/lug/2014 14:08

Maltempo: Coldiretti, estate in tilt e' gia' costata oltre 1 mld

(ASCA) - Milano, 26 lug 2014 - L'estate in tilt e' gia' costata oltre il miliardo di euro per colpa del maltempo che ha sconvolto soprattutto le attivita' turistiche e quelle agricole ma ha anche cambiato le abitudini stagionali degli italiani, con un calo preoccupante dei consumi di frutta estiva. E' quanto ha stimato la Coldiretti.

L'inizio dell'estate e' stato segnato dal 34% di pioggia in piu' caduta nel mese di giugno con punte di oltre il +200% in alcune zone anche turistiche del centrosud e del tempo incerto della prima meta di luglio. Il risultato e' che, anche considerando le partenze del weekend, non piu' di 6 milioni di italiani - ha stimato la Coldiretti - sono gia' partiti per le vacanze per concedersi almeno un giorno di vacanza fuori casa. Il maltempo che ha lasciato a casa gli italiani ha anche colpito l'occupazione stagionale e a rischio ci sono dieci milioni di giornate di lavoro nella raccolta dell'ortofrutta estiva ma anche tutti quei profili professionali utilizzati dalle strutture turistiche come cuochi, camerieri, addetti all'accoglienza, all'informazione, ai servizi e all'assistenza alla clientela.

Il crollo dei consumi della frutta estiva rischia di far scomparire un quinto dei pescheti italiani, con gravi effetti sull'occupazione sull'ambiente e sulle imprese, secondo la Coldiretti impegnata in una mobilitazione che ha visto la distribuzione di decine di quintali di pesche e nettarine con gli agricoltori all'arrembaggio delle spiagge di Riccione sui velieri.

Ma la situazione e' difficile anche per altre coltivazioni come le susine i meloni ed i cocomeri con quotazioni che - ha denunciato la Coldiretti - non consentono neanche di coprire i costi di raccolta. Nelle campagne e' deflazione con i prezzi corrisposti alle aziende agricole crollati, fino al 50%, mentre quelli al dettaglio continuano ad essere sostenuti. Una spirale che non agevola i consumi, oltre ad essere inaccettabile per i produttori di pesche e nettarine, cui la frutta viene pagata pochi centesimi. La superficie attuale a pesche e nettarine in Italia e' inferiore ai 70.000 ettari, suddivisi principalmente tra Emilia-Romagna, Campania, Piemonte, Sicilia, Puglia, Veneto, Basilicata, Calabria e Lazio. L'effetto di questa crisi, denuncia la Coldiretti, potrebbe essere quello di perdere altri 15.000 ettari sulla base di esperienze del passato.

est/tmn

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina