mercoledì 18 gennaio | 15:13
pubblicato il 08/apr/2013 08:58

Maire Tecnimont: approvati conti 2012 e piano finanziario da 500 mln

(ASCA) - Roma, 8 apr - Il Cda di Maire Tecnimont ha approvato i conti consolidati del 2012 e il piano di ristrutturazione finanziaria e patrimoniale del gruppo.

Dal lato dei conti, il 2012 si e' chiuso con una perdita netta di 207,6 milioni e una posizione finanziaria netta negativa di 226 milioni.

Il piano di ristrutturazione finanziaria e patrimoniale e' pari a 500 milioni, di cui 150 milioni come aumento di capitale, 50 milioni di nuovi finanziamenti e 300 milioni come riscadenzamento del debito a medio e lungo termine.

Nell'ambito dell'aumento di capitale: 15 milioni sono riservati al partner industriale strategico ARDECO (Arab Development Company, Abu Dhabi) ad un prezzo di Euro0,90 p.a., pari al 5% del capitale post-aumento riservato; Maire Tecnimont e ARDECO hanno inoltre concordato di costituire una Joint Venture (51%/49%) per lo sviluppo di nuove iniziative di business development in Medio Oriente. Gli altri 135 milioni saranno offerti in opzione agli azionisti, ad un prezzo che sara' determinato prima dell'offerta al mercato; l'azionista di maggioranza Maire Gestioni ha gia' manifestato l'impegno, nell'ambito dell'esercizio del proprio diritto di opzione, a sottoscrivere e versare una quota di 60 milioni.

L'assemblea straordinaria sara' convocata per una data anteriore al 30 giugno 2013. Alcune tra le principali banche finanziatrici del Gruppo (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Monte dei Paschi di Siena e Santander) hanno inviato a Maire Tecnimont e Tecnimont comunicazioni, contenenti anche i term-sheet pattuiti, confermando che i rispettivi organi deliberanti hanno approvato la manovra finanziaria per la parte di loro competenza. Altre banche hanno allo stato informato Maire Tecnimont che il loro iter deliberativo relativo alla manovra procede positivamente ed e' previsto completarsi a breve.

Il nuovo finanziamento ammonta a 50 milioni, mentre circa 300 milioni di debito vengono riscadenzati fino al 31 dicembre 2017, con un periodo di preammortamento di oltre due anni. Il nuovo finanziamento ha termini e scadenza analoghi al debito riscadenzato. Lo comunica una nota della societa'.

com/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa