sabato 25 febbraio | 03:28
pubblicato il 19/mar/2014 12:37

Made in Italy, Caselli: agroalimentare forte appeal, va difeso

Business agromafie è di 14 miliardi di euro l'anno

Made in Italy, Caselli: agroalimentare forte appeal, va difeso

Roma, (askanews) - Il Made in Italy ha "un fortissimo appeal", soprattutto sull'agroalimentare, che però "spesso è soggetto a rischi e presenze mafiose. Per questo occorre difendere i nostri prodotti, e non bisogna stare a guardare". Ad affermarlo è il procuratore Giancarlo Caselli, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione "Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare" promossa dalla Coldiretti."Il Made in Italy - afferma Caselli - per quanto riguarda l'agroalimentare ha un fortissimo appeal, una credibilità alta nel mondo che però è soggetto a rischi, presenze mafiose, opacità in generale che devono essere studiati, conosciuti e adeguatamente fronteggiati". "Il business delle agromafie si calcola sia di 14 miliardi di euro l'anno. Un affare colossale, miele per le api mafiose, bisogna non stare a guardare".

Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech