sabato 25 febbraio | 08:42
pubblicato il 03/set/2014 15:57

Lvmh: accordo con Hermes mette la parole fine alla guerra legale

(ASCA) - Roma, 3 set 2014 - Dopo oltre due anni di guerra legale arriva l'armistizio tra Lvmh e Hermes. Il colosso del lusso guidato da Bernard Arnault rinuncia alla scalata di Hermes di cui aveva acquistato fino al 23,5% del capitale. I due gruppi hanno accolto la proposta di mediazione del ribunale commerciale di Parigi in base alla quale Lvmh distribuira' ai propri soci le azioni hermes in portafoglio.

Lvmh e' controllata al 40% da Christian Dior a sua volta controllata da Bernard Arnault con circa il 70%. Al termine del trasferimento delle azioni Bernard Arnault deterra' una partecipazione di poco superiore all'8% in Hermes.

La mediazione inoltre prevede che il gruppo Arnault e le societa' controllate si impegnano a non acquistare azioni Hermes per almeno 5 anni. Immediate le reazioni alla borsa di Parigi dove ermes lascia sul terreno oltre il 7% venendo meno l'appeal speculativo mentre Lvmh mette a segno un rialzo superiore al 4%.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech