mercoledì 22 febbraio | 05:54
pubblicato il 08/nov/2013 12:00

Lupi: stiamo lavorando a coperture per stop seconda rata Imu

Presto un decreto

Lupi: stiamo lavorando a coperture per stop seconda rata Imu

Roma, 8 nov. (askanews) - Il governo è al lavoro per reperire le coperture per abolire la seconda rata dell'Imu 2013. Una volta individuate le risorse sarà messo a punto un decreto legge. Lo ha riferito il ministro per le Infrastrutture, Maurizio Lupi, sottolineando, quindi, che il governo terrà fede agli impegni presi e la seconda rata non si pagherà. "Dobbiamo sentirci sicuri se si sentono sicure le famiglie italiane, eravamo tutti qui quando abbiamo annunciato l'abolizione della prima e della seconda rata con un provvedimento successivo". La cancellazione "non è mai stata messa in discussione, stiamo lavorando sulle coperture per la seconda rata, che arriveranno con un decreto. Noi non ne abbiamo mai dubitato, ma sono nate polemiche, per qualsiasi governo la cosa peggiore è dire che un provvedimento si farà e poi invece non si fa, questo crea disaffezione da parte dei cittadini".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia