venerdì 20 gennaio | 00:57
pubblicato il 27/gen/2016 15:48

Luiss Enlabs, Investor Day di successo per LVenture Group

Tutto esaurito in sala, cresce il ruolo delle partnership

Luiss Enlabs, Investor Day di successo per LVenture Group

Roma, (askanews) - Tutto esaurito nella sede dell'acceleratore di Startup capitolino Luiss Enlabs in occasione dell'ultimo Investor Day, con Karaoke One, KPI6, Babaiola e Nausdream, le startup uscenti dall'ultimo programma di Accelerazione, che hanno fatto il loro debutto davanti a più di 100 investitori qualificati e ad oltre 160 grandi aziende.

Luiss Enlabs è l'acceleratore di Startup nato nel 2013, in collaborazione con Wind, da una joint venture tra LVenture Group e l'Università Luiss. Parola d'ordine essere direttamente coinvolti nell'innovazione d'impresa, come conferma Massimo Angelini, direttore public relations di Wind:

"Il motivo per cui è giusto essere vicini a questo mondo è duplice, da un lato l'innovazione è nel dna di Wind, dall'altro Start Up, giovani, imprenditorialità sono ingredienti fondamentali dei nostri valori d'impresa".

Padrone di casa, LVenture Group ha deciso intanto di investire in primis come sempre nelle startup prima selezionate e adesso presentate. Luigi Capello, ceo di LVenture Group e Founder di Luiss Enlabs:

"Noi siamo i nuovi heroes, i nuovi eroi, oggi andiamo ad investire in Start Up che domani saranno grandi aziende.

"Noi oggi qui abbiamo 33 start up, parliamo di circa 300 nuovi lavori, si può arrivare a 100, 200 start up e migliaia di lavori creati".

Seppur in ritardo rispetto all'onda d'idee partita negli anni '80 dalla Silicon Valley americana, Investor Day come quelli di LVenture e Luiss Enlabs stanno peraltro proprio a dimostrare il cambio di passo e di mentalità delle reti economiche italiane, ed il processo di partnership sempre più stretto tra la nuova impresa ed i player nazionali ed internazionali. Lo sottolinea

Andrea Biscioni, responsabile prodotti e servizi imprese e small business di BNL Gruppo BNP Paribas:

"Un esempio è Qurami, start up ospitata da Luiss Enlabs, che ci ha aiutato a sviluppare un sistema digitale per la gestione delle code nelle nostre agenzie più moderne. Oppure Interactive project, che ha sviluppato l'app per il nostro programma di educazione finanziaria nelle scuole, Educare, o Dolab, che ha fornito formazione digitale ai nostri private banker. Sono gli esempi di come la Banca possa contaminarsi di innovazione aiutando lo sviluppo delle start up che possono staccare le prime fatture con un cliente comunque importante e spendibile come BNL".

Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale